Henrik Kristoffersen, leader a Wengen
Henrik Kristoffersen, leader a Wengen ©Agence Zoom

Si cambia pista ma non il leader. Henrik Kristoffersen è al comando della prima manche dello slalom di Wengen. Una gara che non si corre sul classico pendio, ma che si sta svolgendo sull’ultimo tratto del Lauberhorn. Una pista più semplice e lineare rispetto allo Männlichen/Jungfrau, che non ha regalato un grande spettacolo, specialmente nel tratto pianeggiante centrale con gli atleti costretti a spingere con i bastoni o facendo passo patinato, per non parlare del russo Khoroshilov – uscito poi sul muro finale – che si è addirittura messo in posizione. Ma questo è lo slalom che oggi Wengen propone e non ci sono scuse. Il norvegese ha fatto la differenza sul muro finale, portando fuori velocità anche nella doppia e nella lunga con quadrupla a infilare conclusiva. Ma alle sue spalle c’è un grandissimo Giuliano Razzoli. Il campione olimpico di Vancouver ha fatto la differenza nella parte alta. Ha spinto fino all’ingresso del muro conclusivo, poi è stato leggermente più accorto, cedendo comunque pochissimo nei confronti del norvegese. Suoi i migliori due parziali: nel confronto diretto Razzoli rifila 10 e 27 centesimi al norvegese. Terza posizione provvisoria per il tedesco Felix Neureuther, a 35/100, con quarto il francese Jean-Baptiste Grange, a 41/100 dalla vetta. E Marcel Hirscher? L’austriaco è nono a 74/100 dal suo diretto rivale in slalom. 

Stefano Gross in azione ©Agence Zoom
Stefano Gross in azione ©Agence Zoom

QUINTO GROSS – Buona manche anche per Stefano Gross. Il fassano è partito con l’1 e ha preso un rimbalzo nel piano che gli ha fatto perdere centesimi preziosi. Con il sesto tempo sul muro finale ha mantenuto il distacco: è a 46/100 dal primo posto e a 11 dal terzo gradino del podio. «Ho sciato bene nel tratto finale, mentre in alto ho preso un rimbalzo – ha detto al traguardo -. Sono pronto per la seconda manche, certo, correre sul pendio tradizionale è tutta un’altra cosa: 10 a 0 il raffronto».

PECCATO TONETTI – Una gara incredibile quella di Riccardo Tonetti. Il bolzanino ha attaccato a tutta, ha fatto segnare il miglior tempo nel secondo settore, poi ha tagliato il traguardo con il quarto tempo. Il finanziere è però stato squalificato per aver saltato l’uscita della quadrupla finale. Il suo sci destro è passato correttamente, quello sinistro è invece rimasto fuori.

GLI ALTRI AZZURRIPatrick Thaler è diciassettesimo a 95/100, Cristian Deville quarantaduesimo, mentre Manfred Moelgg è uscito.

SECONDA MANCHE – La seconda manche dello slalom speciale di Wengen scatterà alle 13.30; diretta televisiva su RaiSport ed Eurosport. Tracciatura curata da Christian Mitter, il tecnico dei norvegesi.

1 COMMENTO

  1. Come si prevedeva, Slalom particolare che ha concesso anche ai numeri piu’ alti di inserirsi nei 30. Rinnovo i complimenti a tutti i tecnici italiani che hanno deciso di presentare solo 6 atleti anziche’ gli 8 consentiti. Grande anche la strategia volta a privileggiare un BIB 80 in Coppa Europa ad un BIB max 60 in WC. Ribadisco Bravi!!!!!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.