Slalom indoor in Germania

Il gruppo femminile di Coppa Europa è arrivato a Wittenburg da un paio d’ore. Domani allenamento, venerdì la gara. La stagione di Coppa Europa femminile si apre dunque al coperto, nello ski dome tedesco: la formula è la stessa della gara maschile, prime due manche valide come Fis, poi le prime trenta saranno al via della manche finale che assegna i punti di Coppa Europa. «Un tracciato interessante – ci ha spiegato Roberto Lorenzi, coach della squadra, dopo un primo sopralluogo dell’impianto – la neve è compatta, ma non ghiacciata come quella, per esempio, di Amneville. Diciamo che è più simile ad uno slalom ‘naturale’. Cosa mi aspetto? Questa gara indoor non l’abbiamo voluta preparare in modo maniacale, visto che è l’unica in calendario: non ci siamo allenati in ‘capannone’ per la gara in ‘capannone’. La nostra è una squadra che è cambiata molto e non abbiamo confronti diretti: sarà una sorpresa».

Squadra giovane si diceva: in gara Elena Curtoni, Sara Pramstaller, Sarah Pardeller, Camilla Borsotti e poi Lisa Magdalena Agerer, Romina Santuliana, Marta Benzoni, Chiara Petrucci e Sofia Goggia, le ultime inserite del Progetto Giovani Ratiopharm. «Schieriamo un dei gruppi più giovani – conclude il ‘doc’ – un radicale cambio rispetto al passato. Abbiamo lavorato insieme al Progetto Giovani tutta l’estate, per portare sempre più ragazze di questa squadra in Coppa Europa».

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.