Children del Lecco in ricognizione al Memorial Fosson ©Pierre Lucianaz

«La stagione stava andando bene e non posso certo essere contento di questo stop, anche se doveroso». Vincenzo Tondale fa un passaggio su questa stagione che si è chiusa anzitempo per l’emergenza Coronavirus. «Sono contento del lavoro svolto – spiega il tecnico del Lecco – anche i risultati ci stavano dando ragione: abbiamo vinto diverse Indicative Regionali». Certo che senza Campionati Italiani, rimane una stagione a metà, ma lo è per tutti. «Un grande amaro in bocca non aver potuto partecipare a queste gare, così come al Trofeo Pinocchio». E poi Winch si sofferma  su un gruppo di lavoro davvero omogeneo che ha saputo lavorare davvero bene. «Magari non avevamo la punta di diamante, però c’era un gruppo con svariati ragazzi che hanno ben figurato. Ed è proprio questo il nostro obiettivo: portare avanti un buon numero di giovani». Ora tutti a casa, fermi, in attesa che la situazione migliori. La stagione dei Children del Lecco si è chiusa a Santa Caterina: «All’inizio di questo grave periodo era ancora la soluzione più sana stare lassù, poi le località si sono riempite di sciatori come nelle vacanze di Natale, da lì la chiusura». 

Articolo precedenteIl punto del movimento bresciano con Bettoni
Articolo successivoSki Team Le Rocche, il bilancio di Mammarella
Andrea
REDATTORE - Dopo un trascorso da maestro di sci e allenatore, ha deciso di intraprendere un nuovo percorso nel giornalismo e nella comunicazione, unendo la passione per lo sport al lavoro. Dal 2013 collabora con la nostra rivista, occupandosi dapprima del mondo giovanile e di Reparto Corse, passando poi a seguire sul campo anche eventi di Coppa del Mondo, Campionati Mondiali e Coppa Europa. È giornalista e fotografo a tutto campo e porta avanti un'agenzia di comunicazione specializzata nello sport e negli eventi: ciclismo, mountain bike, sport invernali e trail le discipline più seguite.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.