Dodici ore per planare sul Giappone, da Milano Malpensa a Tokyo. Domani scatta la tappa nipponica di Coppa del Mondo: gigante e slalom a Naeba Yuzawa Niigata. E noi ci siamo, pronti a raccontarvi un altro live di questa stagione che stiamo seguendo in lungo e in largo e che si appresta alla fase finale.

FROM TOKYO TO NAEBA SKI RESORT– Tokyo da paura. In fila sulle scale mobili come per chi guida auto e bus: a sinistra, in una fila che sembra una processione religiosa. Traffico ma estremamente organizzato, precisione, ordine, rispetto. Amuchina a tutta, pulizia quasi maniacale. Grattaceli, luci, neo, led. Sashimi e inchini. Nove milioni di abitanti. Tredici linee del metro per 274 stazioni. Dalla megalopoli prendiamo il treno per Gala Yuzawa, un’ora e mezzo di tragitto per poi raggiungere lo ski resort di Naeba con venti minuti di navetta. Tokyo è tutta una mascherina. Non tanto per il coronavirus che qua ha fatto solo un morto e pochissimi contagi, ma perchè proteggersi in questo modo in Giappone è uso e costume.

FORMAZIONE – Domani ci sono i ragazzi agli ordini del dt Roberto Lorenzi. Saranno cinque gli azzurri in cerca di gloria sulle nevi asiatiche fra le porte larghe: Giovanni Borsotti, Luca De Aliprandini, Riccardo Tonetti, Hannes Zingerle e Daniele Sorio. In slalom un’altra cinquina all’attacco domenica: Giuliano Razzoli, Riccardo Tonetti, Stefano Gross, Federico Liberatore e Tommaso Sala. Non ha raggiunto il Giappone Alex Vinatzer in quanto alle prese con l’influenza.