Norvegia in trionfa ©Agence Zoom

Parla scandinavo il team event dei Campionati Mondiali di Cortina. Ti aspetti Austria e Svizzera e invece in finale trovi Norvegia e Svezia a contendersi la medaglia d’oro. A Rumerlo, su due tracciati davvero regolari, prevale la Norvegia che vince 3-1 nei confronti della Svezia. Ma anche oggi c’è stato un colpo di scena, prima di assegnare la vittoria. Nella seconda sfida lo svedese Jakobsen finisce largo di linea e intralcia la discesa di Foss-Solevaag. Che si ferma e chiede di ripetere la prova. Waldner e Gerdol si parlano via radio e danno ragione al norvegese: tornano su di fretta e furia e riaprono il cancelletto. Stjernesund batte Alphand, nella sfida bis Foss-Solevaag ha la meglio su Jakobsen, poi la svedese Sara Hector prova a riaprire la sfida, vincendo nei confronti di Riis-Johannessen. Due a uno provvisorio, fino alla discesa di Solheim che batte per 49/100 Mattia Roenngren e porta la Norvegia in trionfo. Oro quindi alla Norvegia di Lysdahl, Riis-Johannessen, Stjernesund, Foss-Solevaag e Solheim, davanti alla Svezia di Alphand, Hector, Luthman, Hansson, Kakobsen, Roenngren. 

Sara Hector ©Agence Zoom

La Svizzera, che ha vinto tanto fino a questo momento, non solo non riesce a difendere il titolo conquistato ad Åre nel 2019, ma addirittura si ferma al quinto posto, battuta nella small final da una Germania davvero in grande forma. Holdener e Bissig hanno vinto contro Aicher e Schmid, Luitz e Filser hanno risposto a Simonet e Rast e per 12/100 Germania conquista il bronzo, mentre la Svizzera esce sconfitta. Germania va quindi a segno con Aicher, Duerr, Filser, Luitz, Schmid e Strasser.

Luca De Aliprandini ©Agence Zoom

È andata peggio all’Austria di Stephanie Brunner, Adrian Pertl, Katharina Liensberger e Fabio Gstrein, Chiara Mair e Roland Leitinger, fuori ai quarti di finali contro una Svezia che ha prevalso per 39/100. Fuori nella stessa fase anche l’Italia che ha perso 3-1 contro la Germania. Nadia Delago, entrata in sostituzione dell’infortunata Lara Della Mea, ha vinto per un centesimo nei confronti della Aicher. Poi tre sconfitte per Giovanni Borsotti contro Stefan Luitz, Laura Pirovano contro Andrea Filser e Luca De Aliprandini contro Alexander Schmid. 

Laura Pirovano ©Agence Zoom

Nel primo turno l’Italia aveva superato agilmente la Finlandia, pur con una partenza in salita per via della brutta caduta di Lara Della Mea. Borsotti aveva ceduto 9/100 nei confronti di Torsti, Pirovano aveva prevalso di 5/100 su Honkanen e De Aliprandini aveva strappato il passaggio del turno anche grazie all’uscita di Sjoberg.