Stuffer la più veloce in prova a Cortina, bene Goggia e Schnarf. Ghezze: «Per la gara dovremo crescere ancora»

Sull'Olympia delle Tofane le azzurre dimostrano di trovarsi molto bene, ora dovranno possibilmente concretizzare al meglio in gara: terza Sofia, quinta Hanna. Discesa prevista domani, sabato 28 gennaio, alle 10.30. Fuori senza conseguenze Vonn ed Elena Fanchini nel secondo training. Gut sempre davanti, come Stuhec

0
Verena Stuffer (@Pentaphoto)

Ancora una giornata splendida a Cortina d’Ampezzo, per la seconda e ultima prova cronometrata in vista della discesa di sabato. Pista leggermente più mossa com’è normale che sia dopo tanti passaggi, ma le condizioni restano sempre ideali per gareggiare, esattamente come giovedì.

RISULTATI 

TRAINING – Italia in un grande momento di forma e fiducia, da concretizzare però poi nel weekend. Verena Stuffer è stata la più veloce nel secondo training, con il tempo di 1’37”61, e ora le chiediamo nel limite del possibile di confermarsi sabato, per centrare quel podio in Coppa del Mondo che meriterebbe per tutto l’impegno profuso fino a oggi. Seconda Lara Gut, sempre molto costante, a cinque centesimi. La ticinese è abituata a far salire il suo livello poi in gara e quindi resta la co-favorita assieme a Lindsey Vonn, oggi fuori per aver voluto tagliare troppo la linea in un passaggio nella parte alta. Per lei caduta senza conseguenze, così come per Elena Fanchini. Tornando alla prova, terza Sofia Goggia a 0”34 e, con Stuhec, oggi quarta, prima indiziata per cercare di dare “fastidio” in discesa al combo Vonn-Gut. Molto bene anche Hanna Schnarf, quinta a 0”62. Nelle dieci troviamo poi Suter, Cook, Venier, Puchner e Weirather.

Sofia Goggia a Cortina (Gepa Atomic)
Sofia Goggia a Cortina (Gepa Atomic)

ITALIA – Le altre azzurre: tredicesima Elena Curtoni, quindicesima Federica Brignone (obiettivo top 10 per entrambe), 21esima un’ottima Marta Bassino, ovviamente in fiducia dopo il podio a Kronplatz, 24esima Francesca Marsaglia, 53esima e ultima Nicol Delago. Ancora molto indietro Veith e Mancuso. Sabato 28 gennaio sesta e ultima discesa stagionale pre-Mondiale, via alle 10.30 sulla Olympia delle Tofane.

Federica Brignone a Cortina (@Pentaphoto)
Federica Brignone a Cortina (@Pentaphoto)

VERENA STUFFER: «Mi sono trovata bene, le condizioni della pista mi piacciono e sono favorevoli. Rispetto alla prima prova, forse, sono stata più incerta, ma mi pare che sia successo così un po’ a tutte. Si tratta di vedere la gara, ora».

ILKA STUHEC: «Ho un buon feeling con questa pista e anche la seconda prova è stata molto sciabile e divertente. Comunque questa era ancora una prova, i veri valori salteranno fuori nella gara di domani».

ALBERTO GHEZZE – «Condizioni perfette anche oggi – ci dice il responsabile del team di velocità femminile, tra l’altro cortinese doc -. Come mi ricordano le ragazze italiane, le prove non contano nulla. Dovremo ripeterci in gara, ma per farlo bisognerà alzare ancora di più il rendimento. La pista? Fondamentale non accumulare troppo ritardo in alto, sciare bene a metà nel tratto più tecnico e cercare di essere scorrevoli in fondo, visto che la parte finale è semplice. I risultati danno serenità a tutto l’ambiente, ma bisogna vivere il presente. Se sabato non arriva il risultato, la serenità se ne va immediatamente. Quindi restiamo sintonizzati su quello che bisogna fare domani in gara».

Alberto Ghezze a La Thuile
Alberto Ghezze a La Thuile ©Andrea Chiericato

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.