Simoncelli: "Albi ha fatto la scelta giusta"

«Era il mio compagno di camera e l'unico per cui facevo il tifo»

Compagno di squadra nazionale, di scuderia Salomon, di camera di albergo, di viaggi. Soprattutto amico. Davide Simoncelli appena ha saputo della notizia di Alberto Schieppati non ci ha pensato due volte ad affermare: «Ha fatto bene. Faceva troppa fatica, la vita viene prima di tutto. Ora fa bene a curarsi e riposarsi». ‘Albi’ mancherà a ‘Simo’, e siamo sicuri anche viceversa. Davide Simoncelli da tanti anni era il suo compagno di camera. Facevano coppia fissa, erano davvero uniti da un senso di stima e di amicizia: «Albi era l’unico che si mi arrivava davanti ero contento. Ero il suo primo tifoso. Adesso mi ha detto che mi vedrà a vedere alle gare, sarà lui il mio supporter». Insieme in giro per mezzo mondo. Alpi e Appennini, Scandinavia e Nordamerica, Asia e Sudamerica. Girovaghi dello sci, del Circo bianco, zingari della neve. Ovunque. ‘Simo’ ha vissuto questi quattro anni della malattia di Schieppati: «Quante volte l’ho visto tornare da un allenamento e dopo aver pranzato in fretta e furia rufugiarsi in camera spossato, stanco, febbricitante. Mi ricordo che spesso alternava momenti di sudorazione profonda e poi di caldo, tipici elementi dell’innalzamento repentino della temperatura. Ha stretto i denti fin quanto ha potuto, dopo Soelden e soprattutto al Tonale nell’ultimo training c’è stata una ricaduta. Ha fatto bene a lasciare, non vi era altra soluzione. Certo, mi mancherà non averlo in squadra». Pomeriggi in camera d’albergo. Riciordiamo a Bormio, proprio in questo periodo due anni fa. Davide e Alberto in camera, a letto, entrambi al computer. Noi con taccuino e macchina fotografica. Alberto aveva la febbre alta, ma non lo voleva dire, soprattutto non voleva dirselo. Cercava sempre di ridere, sorridere, guardare avanti, non pensarci insomma. Ora però è stato obbligato a mollare il colpo, a lasciare il mondo delle gare, una parte della sua vita. Ma come dice ‘Simo’, lo sci non è tutto.

Altre news

Livigno, il giorno del gigante del Master istruttori: ecco i 103 al via

LIVIGNO - Ci siamo. Oggi è il giorno del gigante prima prova per accedere al Master istruttori nazionali di sci alpino. Il gigante odierno non è solo una selezione, non è esclusivamente il primo ostacolo per accedere al Master...

È uscito Race ski magazine 176, incentrato sui grandi eventi giovanili di fine stagione

La stagione agonistica 2023/2024 è in archivio, ormai tutti i circuiti si sono chiusi, anche se qualche atleta, soprattutto di alto livello, è ancora in pista per sfruttare le condizioni, testare materiale e affinare il gesto tecnico. Com’è andata...

Kitzbühel e Sestriere, EA7 Winter Tour a tutta

Il viaggio continuo, che entusiasmo EA7 Winter Tour: dappertutto, ovunque. Da appiausi per gestione, organizzazione, offerta. E sulle Alpi non poteva mancare la tappa mitica in Austria  a Kitzbuehel. Posizionati in area Sonnenrast, l’igloo EA7 ed il gatto delle...

Zermatt chiude alle Nazionali, ma a rimetterci veramente solo gli svizzeri

Ci avete tolto la Coppa del Mondo, bene non daremo la possibilità di allenarvi in ghiacciaio. Questa in estrema sintesi la decisione del direttivo della Zermatt Bergbahnen. Nella prossima estate solo le squadre di sci d’élite, insomma le Nazionali,...