I pettorali di domani dello slalom di Obereggen

Giovanni Borsotti continua a stupire: vince, fa podio, è leader in gigante e anche la classifica generale di Coppa Europa è affar suo. Abbiamo chiesto a Alessandro Serra, responsabile degli azzurri del gruppo maschile che si cimenta nel circuito continentale, se si aspettava un inizio stagione così: "Non a questo livello, dico la verità. L’anno scorso ha fatto fatica, e durante l’estate si è messo a lavorare con più professionaliutà, precisione, impegno massimo. Aveva voglia di recuperare un certo gap, e mi sono accorto già durante l’estate che non era solo più continuo sugli sci, regolare, più costante, ma anche nell’approccio mentale, che più si cresce di livello, risulta un elemento importante. Mi aspettavo molto dalle prime gare, sono stato ripagato davvero. Giovanni insomma è maturato, è diventato grande, non solo sulla neve". Sicuramente un ruolo importante lo ha avuto il fedele Alessandro, il ‘Capitan Futuro’, il responsabile dei giovani azzurri. "L’anno scorso avevo uno staff con cui mi allenavo ed uno quando gareggiavo in Coppa Europa. Adesso è lo stesso, e con Alessandro Serra e Ruggiero Muzzarelli mi trovo a meraviglia", ci ripete spesso il ‘giovane leone’ di Bardonecchia. Continua Serra: "Capitano momenti difficili. L’anno scorso ha fatto fatica Giovanni, quest’anno tribola Antonio Fantino. Sono cose normali, fisiologiche nella crescita di un giovane campione. Sono giovani, sono normali alti e bassi, perchè sia chiaro, Tonio non si discute assolutamente". L’ultimo pensiero del coach di Cesana Torinese è per Mattia Casse: "Impressionate quanto è migliorato in gigante. E poi voglio ricordare che a solo vent’anni ha già corso in tutte le discipline in Coppa del Mondo. Ed ha ancora margine". Domani intanto a Obereggen, Alto Adige, un altro appuntamento con una ‘classica’ della Coppa Europa. Ecco lo slalom, fra cui saranno presenti diversi atleti del primo gruppo di Coppa del Mondo. Al via anche l’olimpionico Giuliano Razzoli che avrà il pettorale numero 20. Ecco gli altri italiani che domani si cimenteranno fra le ‘porte strette’ nel gelo della della Val d’Ega: Stefano Gross 11, Cristian Deville 23, Andy Plank 30, Giovanni Borsotti 37, Patrick Thaler 51, Pirmin Anstein 74, Andrea Ballerin 78, Roberto Nani 80, Matthias Thaler 85, Adam Peraudo 92, Luca De Aliprandini 101, Francesco Romano 104, Antonio Fantino 105, Federico Vanz 106, Nicola Rota 109. Prima manche 9.55, seconda 13.00.

Articolo precedenteCiao Aldo, amico dello sci
Articolo successivoPrima prova alla Riesch, quarta Merighetti
Pez
RESPONSABILE WEB - Milanese classe 1974, è giornalista pubblicista. Dal 2004 segue la Coppa del Mondo di sci, dal 2007 lavora con la Mulatero Editore. È responsabile sito web e area agonismo di Race Ski Magazine e inviato sul campo. Accreditato a tre Olimpiadi invernali: Torino, Vancouver e Sochi. Quando non è sulla neve, pedala...

1 COMMENTO

  1. Grandissimo Giovanni, tieni alta la bandiera del Piemonte, terra di grandi sacrifici e poche soddisfazioni. Capitan Futuro sei grande e ti stimiamo e goditi questa gloria legata ad un grande impegno in tanti anni di duro lavoro di altissima professionalit

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.