A livello internazionale, qualcosa si muove. Ed è un segnale. Da domani – giovedì 15 ottobre – potranno essere effettuate le iscrizioni degli atleti alle liste Fis. La comunicazione è arrivata dalla Fisi che aspettava il via libera dalla Federazione Internazionale, la quale solitamente apriva il procedimento già nei mesi estivi. La pandemia ha rallentato tutto, ma ora c’è stato il via libera per i rinnovi e per le nuove iscrizioni di chi ha salutato la categoria Allievi e si avvicina al percorso Aspiranti. 

Con un circuito di Coppa del Mondo che ripartirà questo fine settimana da Soelden, c’è voglia di tornare in pista un po’ a tutti i livelli, anche se bisognerà capire con quale protocollo la Fis autorizzerà la partenza. Pare infatti difficile, se non impossibile, proporre lo stesso documento valido per la Coppa del Mondo, dove gli atleti e più in generale gli addetti ai lavori entrano nella bolla. In base al protocollo Fis, destinato alle gare minori, si capirà anche che piega prenderà il Gran Premio Italia. 

Proprio ieri sulle piste del Passo dello Stelvio era presente anche Alexander Prosch, il nuovo coordinatore del circuito istituzionale, che ha detto: «Il calendario è pronto, siamo pronti a partire e ad andare avanti fin dove ci lasceranno andare». C’è fiducia da una parte, c’è però anche una pandemia che è tornata a correre e che è sotto gli occhi di tutti. 

Il tecnico azzurro in questi giorni è in pista insieme al gruppo Osservati, formato da Alice Pezzaglia, Alice Calaba, Gaia Palamara, Martina Banchi, Amelia Rigatti di Grazia, Elisa Schranzhofer, Heloise Edifizi, Elisa Maria Negri, Nicole Nogler Kostner e Aurora Zavattarelli.