Noel risorge sulla Planai. 2° il redivivo Zenhaeusern, 3° il solito Braathen. Male gli azzurri

SCHLADMING LIVE –  Lo slalom degli slalom, la slalom per antonomasia. Non a caso si chiama The Night Race, la gara di Coppa del Mondo in notturna per eccellenza. Quarantamila tifosi a sostenere i ragazzi delle porte strette con ovviamente in stragrande maggioranza austriaci festanti per i loro beniamini. E in questo angolo di Stiria spettacolo e sorprese non mancano mai.

Pazzi per la Night Race ©Agence Zoom

Nella seconda sessione sbaglia il norvegese capofila Henrik Kristoffersen. E così lo scandinavo termina attardato in 11a piazza. E chi invece recupera è il campione olimpico Clement Noel. Non vinceva proprio dallo slalom cinese e sul podio era salito solo a Garmisch: risorge e conquista Schaldming, classica monumento dello sci.

Noel ©Agence Zoom

Sul podio a 7 centesimi il redivivo Ramon Zenhaeusern: superati i problemi alla schiena e un pò di insicurezza, il lungagnone svizzero allenato dal nostro Matteo Joris finisce a 7 centesimi dal francese. E in terza piazza? Ovviamente non scende dal podio il fenomeno norvegese del 2000 Lucas Braathen. Come a Kitz, non scia a tutta, ma basta per salire sul podio. Pazzesco. Ma è tutta la Norvegia che fa faville: Atle Mcgrath, altro 2000, recupera fino alla 6a posizione e il 2001 Alexander Steen Olsen termina 8°. Il successo scandinavo completato dal 10° posto di Timon Haugan (con 13° Sebastian Foss-Solevaag). E Manuel Feller? Parte per penultimo l’austriaco: sicuramente meno fluido della prima manche. E così, non esce come a Kitz, ma retrocede in 4a piazza. Quinto il solido polivalente elvetico Loic Meillard, davvero in forma smagliante.

Zenhaeusern ©Agence Zoom

CLASSIFICA SLALOM SCHLADMING 

E i nostri? Male. Tommaso Sala 11° si pianta nella seconda, stessa sorte per Alex Vinatzer che era 14° e praticamente esce in cinque slalom su sette. Tommy, sempre regolare, cerca di attaccare ma esce subito. Alex, che ha il podio nelle corde altrimenti non arrivi quarto per un centesimo, sembra andare davvero troppo a corrente alternata. Stefano Gross guadagna qualche posizione è vero, ma non si può lasciare la Stiria come team complessivamente con un 20° posto. Adesso sotto per non ciccare  il prossimo appuntamento che precede i Mondiali: Chamonix. Nella prima sessione non si erano qualificati Simon Maurberger, Tobias Kastlunger, Tommaso Saccardi. Inoltre Giuliano Razzoli ko per un’ernia. 

Gross ©Agence Zoom

Altre news

Ecco i 18 nuovi istruttori nazionali. C’è anche Nadia Fanchini

A Livigno, dopo 25 giorni di corso totali e in seguito ad un anno dall'esame di selezione, si sono svolti gli esami finali per i nuovi pretendenti istruttori nazionali di sci alpino. Sono 18 e fra questi c'è anche...

Gardena, successo per il Fis Speed Camp

Successo per il secondo Speed Camp in Val Gardena organizzato nella ski area Plan De Gralba sulla pista Piz Sella dal Saslong Classic Club, la realtà presieduta da Rainer Senoner che organizza la Coppa del Mondo maschile di velocità...

Lancia Torino, Croce: «Dopo Gulli, Cecere in azzurro. Nella categoria Giovani i risultati che contano»

In punta di piedi, senza strafare, senza dominare le circoscrizioni. Ma con metodo, quello della chiarezza delle priorità, quello dello step by step, quello del non fare proclami di guerra. E soprattutto il metodo dei fatti. Ecco lo Sci...

Il Tar dà ragione a Roda sulle elezioni: «Riconosciuto che operiamo nella piena legittimità»

Il Tar del Lazio, con sentenza n. 7101/2024, ha rigettato i ricorsi presentati da Stefano Maldifassi avverso la candidatura di Flavio Roda e gli esiti della assemblea che lo ha rieletto Presidente nel 2022. Il TAR ha giudicato i...