Braathen&Mcgrath, favola sul Chuenisbärgli. Vinatzer a un centesimo dal podio

Il Chuenisbärgli è una lingua bianca che taglia di netto gli alpeggi verdi di Adelboden. Ma non è una pista per una gara di sci e basta: è un’arena insidiosissima dove i ragazzi lottano contro la forza centrifuga che infiamma i quadricipiti e contro le severe pendenze. E a dominare le onde bernesi è una coppia di norvegesi del 2000 di una classe immensa.

Brrathen in azione ad Adelboden ©Agemce Zoom

Capacità tecniche sopraffine e carattere, bravura e personalità schiaccianti per i giovani vichinghi: trionfa Lucas Braathen che, dopo aver chiuso in testa la prima frazione, eccolo salire sul gradino più alto del podio staccando il compagno di squadra Atle Lie McGrath di 71 centesimi. Si abbracciano al traguardo, non si staccano. Esultano, sono consapevoli di aver fatto qualcosa di straordinario. Giovani e vincenti, sopratutto un’immagine nuova, brillante, moderna per il Circo Bianco. Ci volevano.

L’abbraccio al traguardo fra Brrathe e McGrath ©Agence Zoom

GUARDA LA CLASSIFICA DELLO SLALOM DI ADELBODEN 

E ci voleva anche la fantastica seconda manche di Alex Vinatzer. Il gardenese, un anno in più di Pinheiro e Atle, dopo tre uscite non attacca a dovere il pendio svizzero per timore di non sbagliare ancora. Ci sta. Nella seconda è più sciolto: osa, prende un paio di rischi ed uno pazzesco sul muro, alla fine chiude ottimo quarto con lo stesso tempo dello svizzero Loic Meillard. Peccato per quel maledetto centesimo che nega il podio: infatti a 92 centesimi dalla testa della classifica ecco il tedesco Linus Strasser. La cosa più importante, nessuno aveva dubbi sia chiaro sulle sue capacità, è la questione del ritorno di Alex davanti. Sesta e settima piazza per l’Austria con Marco Schwarz e Manuel Feller. Ottava e nona per la Svizzera con Ramon Zenhaeusern e Marc Rochat, che con l’11° posto di Daniel Yule fanno un bel ruttato di squadra. A chiudere la top ten il francese Alexis Pinturault.

Vinatzer saluta il pubblico al traguardo ©Agence Zoom

Recupera dalla 22a posizione alla 15a Stefano Gross, già quinto a Garmisch in grande rimonta. Sabo chiude con lo stesso tempo di Tommaso Sala, ottavo nella prima. Giuliano Razzoli 25°. Nella seconda manche non si erano qualificati Simon Maurberger e Matteo Canins, mentre out Tobias Kastlunger. E adesso il Circo bianco rimane in Svizzera: venerdì superG, sabato discesa e domenica slalom a Wengen.

Sala in azione ©Agence Zoom

Altre news

Braathen operato di appendicite. Rientro per lo slalom iridato del 19?

Lucas Braathen è stato operato di appendicite acuta in Austria presso l'ospedale di Zell am See. Il fuoriclasse norvegese è stato dimesso in mattinata. Piinheiro ha accusato dolori forti all'addome durante una vacanza a Parigi dopo lo slalom di...

Alleghe, Pizzato gigante. Rigamonti (2°) si impone nel GPI Junior su Bertoldini e Claudani

Seconda gara ad Allegjhe: nel gigante Fis ottima prestazione dell'azzurrino Stefano Pizzato. Il C anticipa Leonardo Rigamonti Fiamme Gialle, quindi Andrea Bertoldini del Lecco AC, staccati rispettivamente di 42 e 56 centesimi. Bella prova dei due che si mettono dietro...

Coppa Europa, due top ten per le azzurre nelle discese di Chatel

La Coppa Europa femminile fa tappa sulle nevi francesi di Chatel con due discese e un superG, recupero di quello di San Pellegrino. Mercoledì, nella prima discesa, doppietta austriaca con Christina Ager che precede di 38 centesimi Nadine Fest,...

Limone, Platino si impone nettamente in gigante. Rosca anticipa Collomb e Marangon nel GPI

Seconda gara a Limone Piemonte griffata Equipe Limone e Ski College Limone. Ed è tempo di gigante Fis, con una netta vittoria dell'azzurra Elisa Platino che mette dietro di gran lunga altre due atlete della squadra nazionale: a 1.82...