Salomon lancia uno scarpone con un nuovo sistema di allacciatura

È praticamente impossibile raccontare la storia del nuovo scarpone da sci Salomon, assolutamente inedito, o di qualsiasi altro scarpone da sci, senza prima ripercorrere il percorso di una delle figure più influenti nella produzione di sci: il fondatore di Salomon, Georges Salomon.
Il visionario francese iniziò la sua attività con tre persone per produrre lamine nel 1947. Poco dopo, la famiglia acquistò i macchinari per la produzione di lamine metalliche per sci e nacque così un brand leggendario. Inizialmente focalizzato su sci e attacchi, Salomon lanciò il suo primo scarpone, l’SX90 a calzata posteriore, nel 1979. Nel decennio successivo, Salomon ha dominato le prime pagine dei giornali con l’introduzione del successore dell’SX90, l’SX91, uno scarpone di grande successo, e da allora il dialogo con i consumatori è in continua evoluzione.

Il successo di Salomon è sempre stato strettamente legato alla progettazione tecnica. Tutte le figure all’origine del marchio, compreso Georges, hanno avuto una formazione ingegneristica. È stato il connubio tra le discipline ingegneristiche e le accurate ricerche di mercato a creare la magia del brand Salomon. Lo sviluppo dei prodotti, l’innovazione del mercato e la sfida alle abitudini dei consumatori per offrire un’esperienza di livello superiore
sono un’eredità che ancora oggi fa parte dell’identità di Salomon. E proprio come nel 1979 gli scarponi da sci a calzata posteriore sono diventati mainstream grazie all’interpretazione di Salomon: nel 2023 il Salomon S/Pro SUPRA BOA® intende sfidare la concezione tradizionale degli scarponi e introdurre gli sciatori a uno standard totalmente nuovo di vestibilità perfetta.
Senza dubbio, i sistemi di allacciatura normali funzionano bene e i sistemi a tre o quattro ganci sono stati lo standard del settore per decenni. Ma poiché le esigenze dei consumatori si evolvono continuamente, in linea con le aspirazioni di innovazione di Salomon, il nostro team di ricerca e sviluppo, guidato dal Project Manager Alexandre Moyat, ha deciso di chiedersi se valesse la pena sperimentare sistemi di chiusura alternativi. Salomon aveva già implementato con successo i sistemi di allacciatura BOA® sugli scarponi touring e da snowboard, ma mai su un prodotto in materiale plastico duro come gli scarponi da sci alpino. Da questa sfida è nata l’idea di S/Pro SUPRA BOA®. Così, nell’inverno 2020, i team di sviluppo Salomon e BOA® hanno iniziato a lavorare sui rispettivi prodotti per creare uno scarpone che rivoluzionasse il modo in cui gli sciatori hanno allacciato gli scarponi negli ultimi 40 anni. L’obiettivo era relativamente semplice: creare un sistema di allacciatura facile da usare, che offrisse un avvolgimento del piede più compatto e opzioni di chiusura potenzialmente illimitate. La sfida principale che il team di ricerca e sviluppo di Salomon ha dovuto affrontare è stata quella di creare uno scarpone che rimanesse fedele alla promessa di Salomon di prestazioni senza compromessi, migliorando al contempo i livelli di avvolgimento del piede e di comfort degli sciatori. L’obiettivo era quello di sviluppare uno scarpone da sci che rimanesse altamente performante, ma che offrisse una calzata leggermente più ampia e un nuovo livello di comfort, incomparabile con i modelli tradizionali.

©MattGEORGES

Il primo prototipo si chiamava simpaticamente Monster. Monster ha assolto il suo scopo e ha gettato le basi per quello che due anni dopo è diventato lo scarpone con la calzata più perfetta che gli sciatori abbiano mai avuto il piacere di indossare. «Monster era l’unione perfetta di due differenti competenze professionali in un unico prodotto: uno scarpone standard Salomon con un classico sistema di serraggio BOA®. Non era bello o raffinato, ma ha dato il via a quella che è diventata una vera e propria co-creazione, spostando i confini delle nostre esperienze per poter sviluppare il nuovo S/Pro SUPRA BOA®», ha spiegato Paul-Eric Chamay, Marketing Product Manager di Salomon.
Gli ingegneri Salomon si sono resi conto che il nuovo sistema di chiusura non poteva semplicemente sostituire un gancio. Per cambiare davvero il modo in cui il piede calza nello scarpone è stato necessario apportare degli accorgimenti a diversi elementi del nuovo scarpone. Lentamente, è nato un nuovo ecosistema EXOWRAP compatibile con BOA®.

©MattGEORGES

«Salomon lavora da anni allo sviluppo del ‘Perfect Fit’, cioè lo studio e la realizzazione di prodotti volti all’obiettivo di garantire sin dalla prima calzata un comfort ed una vestibilità perfetta indipendente dalla forma del piede e senza scendere a compromessi sulle performance. SPRO SUPRA, dotato di BOA® e di tecnologia Salomon Exowrap®, sono l’ultimo prodotto nato esattamente con questo scopo; la combinazione di queste due tecnologie permette un avvolgimento del piede mai provato prima, con la possibilità di microregolare la chiusura della zona del collo del piede ed evitare il fastidioso ‘effetto schiacciamento’ dovuto alla sovrapposizione delle plastiche su cui sono apposti ganci tradizionali». Il posizionamento corretto del sistema BOA® era fondamentale. Dopo tentativi ed errori, i team di ingegneri hanno deciso di sostituire il secondo gancio dello scafo. Questa modifica ha apportato un notevole aumento della capacità degli sciatori di regolare con precisione la tenuta degli scarponi e un cambiamento nel modo in cui la calzata viene percepita dal piede.

©MattGEORGES

Mentre i ganci tradizionali spingono sul dorso del piede, il sistema BOA® e la struttura EXOWRAP abbracciano l’estremità e tengono saldamente il tallone in posizione, per una sensazione di avvolgimento più uniforme. Tre elementi chiave differenziano l’S/Pro SUPRA BOA® da qualsiasi altro scarpone mai realizzato da Salomon: uno scafo con lembi sovrapposti più sottili, combinato con una rete Sensifit a densità differenziata, che aumenta la flessibilità, favorisce un fit avvolgente, garantisce una trasmissione dell’energia più efficiente e facilita l’ingresso e l’uscita dal piede. Infine, l’aggiunta nella scarpetta di una fodera in schiuma di lattice termoformabile offre una sensazione più omogenea di aderenza del piede. Non lasciatevi ingannare dall’aspetto anticonvenzionale di S/Pro SUPRA BOA®. Il sistema BOA® può sembrare ingombrante rispetto a un gancio tradizionale. Alcuni si sono chiesti se “non sporgesse troppo”, ma test accurati hanno dimostrato come in realtà “sporga” quanto basta. Quanto basta per facilitare la regolazione della tenuta degli scarponi con i guanti, ma certamente non troppo da impedire anche le curve carving più impegnative. Potremmo parlare tutto il giorno del motivo per cui l’S/Pro SUPRA BOA® è uno scarpone da sci di cui Georges Salomon sarebbe orgoglioso, ma forse è meglio che lo proviate voi stessi. Fortunatamente, quantità limitate di S/Pro SUPRA BOA® 120 da uomo e S/Pro SUPRA BOA® 105 da donna arriveranno sul mercato in esclusiva a febbraio 2023. Trovate un Brand Shop o un rivenditore di fiducia vicino a voi, o semplicemente visitate il nostro webshop. Abbandonate tutti i preconcetti sull’aspetto e la sensazione di uno scarpone perfettamente aderente e lasciatevi trasportare in una nuova dimensione di calzata perfetta. Questo è solo l’inizio, l’intera gamma S/Pro SUPRA BOA®, con una selezione più ampia, sarà pronta a scendere in pista nella FW 23/24 e sarà disponibile in negozio e online nell’ottobre 2023.

©MattGEORGES

 

Segui il nostro canale telegram per ricevere subito tutti gli aggiornamenti di raceskimagazine.it. Clicca qui e unisciti alla community.

Altre news