Ravetto contro il sistema: «Lo sci non cambierà con la logica della spartizione politica del consiglio federale e con un presidente accentratore»

Claudio Ravetto e il programma elettorale? Arriva dalla sua pagina facebook, come sempre. Questa volta è una lettera indirizzata al presidente del CONI Giovanni Malagò tre anni fa che l’ex direttore tecnico ritiene attuale e idonea come base programmatica. Così estrapoliamo i punti salienti. «Dite che non ho un programma? Eccolo. Gran parte è in una lettera di tre anni fa, così non dite che non ho linee di indirizzo e idee di cambiamento», afferma il coach di Strona.

I PUNTI DELL’ATTACCO AL SISTEMA – Il biellese sostiene che «la qualità passa per un numero ridotto di atleti e che su di loro si devono concentrare energie, risorse, ricerca e innovazione per puntare alla vittoria». Ravetto sembra volere addirittura andare oltre all’assetto della FISI sulle squadre nazionali: «Bisogna rivedere la ricerca del talento e bisogna farlo non più attraverso squadre federali e comitati, ma attraverso i club che devono essere aiutati direttamente dalla federazione con contributi mirati per i ragazzi di maggior talento. E inoltre bisogna ristrutturare i circuiti giovanili ormai obsoleti e incentivare il passaggio dei giovani più interessanti direttamente verso l’alto livello». Temi che indicava alla vigilia dei Mondiali di Vail 2015 e che oggi ritiene opportuno ribadire. Inoltre l’ex dt rispolvera un concetto sull’organizzazione interna della federazione già sostenuto. Affermava e afferma: «Ogni ristrutturazione, che può sembrare antipolitica e impopolare, non può essere portata avanti da consigli federali che agiscono con il metodo della spartizione politica». E poi l’attacco a Roda, anche se non cita il suo nome ma è chiaro il riferimento: «L’attuale presidente è troppo accentratore e insensibile verso il mondo scientifico e le competenze». Un attacco diretto al sistema, proprio a dieci giorni dalle elezioni federali del 22 aprile a Milano.

Altre news

Goggia di nuovo sugli sci: «È stata durissima e non sarà facile»

Dopo quattro mesi di sofferenza, duro lavoro e fisioterapia, Sofia Goggia ha rimesso gli sci ai piedi. «È stata durissima e non sarà facile» scrive la bergamasca, che sta lottando contro l'ennesimo infortunio della carriera. Sci da slalom ai...

Tra piste in ghiacciaio e di atletica, tanti azzurri in raduno

Tra mare e montagna, tra piste da sci ancora in condizioni invernali e piste di atletica che iniziano a essere roventi. Entra nel vivo la preparazione delle Nazionali italiane, che da quasi un mese hanno ripreso ad allenarsi, in...

Già in vendita i biglietti per i Mondiali di Saalbach

Messe in archivio le finali di Coppa del Mondo, a Saalbach si pensa ai prossimi campionati del mondo che andranno in scena dal 4 al 16 febbraio 2025, mettendo già in vendita i biglietti per la rassegna iridata. First...

Grande festa di chiusura per il Comitato Alto Adige

Tempo di festa, visti anche i risultati, per la tradizionale chiusura stagionale del Comitato Alto Adige. Qualche numero: nello scorso inverno in programma una decina di eventi di Coppa del Mondo; le atlete e gli atleti hanno ottenuto una...