Raffaelli: «Voglio portare le istanze della base in via Piranesi»

Massimo Raffelli, 56 anni aostano e laureato in economia aziendale, da 14 anni è presidente dello Sci Club Aosta. Il 15 ottobre ha deciso di candidarsi nel ruolo di consigliere federale. Eccolo: «Vengo dalla base e con lo sci club Aosta abbiamo fatto un lavoro enorme come società sul campo ma soprattutto nell’organizzazione di eventi. Dalle finali di Coppa Europa a qualsivoglia rassegna tricolore, mancano solo gli Assoluti, quindi le gare Children come Fosson e Top 50 ormai riferimento della categoria. Vivo la neve ed insieme ai miei allenatori e ai miei uomini, abbiamo sempre condiviso scelte ed operazioni per la salute del club e dei ragazzi. Adesso scelgo di impegnarmi come consigliere federale  e portare così le istanze del territorio che credo di conoscere alla perfezione».

Massimo, fra le varie questioni, ci tiene a soffermarsi sui numeri. «Cosa è vitale per la federazione? I tesserati. E questi sono nelle mani per lo più delle società, che conseguentemente sul territorio cercano affiliati per crescere. Un club più è forte, vivo, in salute, più ha un numeri importanti di tesserati. Per questo è fondamentale avvicinare più ragazzi e famiglie possibile all’agonismo. E non parlo solo di sci alpino, ma anche degli sport come fondo o biathlon che sono davvero sempre meno praticati. La Fisi, con i club, deve fare azioni mirate sui residenti della montagna dove c’è più cultura di queste discipline per far gareggiare ancora più ragazze e ragazzi».

Parlano tutti di abbandono nello sci alpino, in particolare per la categoria Giovani. Continua Raffaelli: «C’è un divario sempre più grande fra chi vuol fare lo sci come mestiere e chi no. Per i secondi lo sci è sempre meno appetibile, ci sono costi e sacrifici troppi ingenti e spesso non ne vale la pensa. Dobbiamo cercare insieme delle soluzioni per risolvere questo problema. Non è facile, la soluzione non è dietro l’angolo certo. Ma meno atleti, vuol dire meno movimento, meno tessere, meno Fisi…E’ necessario correre ai ripari».

Altre news

Roberta Melesi lancia un bel segnale: «Ho tirato fuori quello che sto costruendo»

Dietro a Marta Bassino e Federica Brignone (ieri nona con alcune sequenze buone e altre da rivedere) c'è qualcosa che si muove. Ed è una bellissima notizia per il gigante azzurro e più in generale per tutto il movimento....

Divertimento e spensieratezza le parole d’ordine di Marta Bassino

Prima di Soelden, gli addetti ai lavori che hanno avuto modo di seguire le atlete in pista, parlavano di due atlete in grande forma: la svedese Sara Hector (ieri terza) e l'azzurra Marta Bassino. Ma poi quel gigante sul...

Kilde apre le danze della velocità con un successo a Lake Louise

La prima discesa della stagione è nel segno di Aleksander Aamodt Kilde. A Lake Louise il maltempo concede una tregua: visibilità spesso piatta, a volte con il sole, ma pista bella compatta. Il norvegese, con il pettorale 6, primo...

Killington: Bassino seconda dietro solo a Gut-Behrami. Nona Brignone, Melesi ottima 11a, primi punti per Colturi

È di Lara Gut-Behrami il primo gigante della stagione. L'elvetica ha vinto la prova di Killington - con partenza abbassata per il vento - con soli 7/100 sull'azzurra Marta Bassino che centra subito il podio, il ventiduesimo della sua...