Race Future Club, Scolari ai club: «Osserviamo anche gli altri, la scuola italiana non è sempre sinonimo di perfezione»

Si è chiusa a Cortina d’Ampezzo la terza edizione di Race Future Club, l’iniziativa di Race Ski Magazine che premia i migliori Children italiani quest’anno in collaborazione con Fondazione Cortina. Questa volta da 20 atleti il passaggio a 24, aggiungendo due Allieve e due Allievi. Un momento di confronto, un’iniziativa davvero utile e apprezzata dagli allenatori dei club e dagli atleti perchè ritenuta efficace come stage e poi costruttiva dal punto di vista delle relazioni. Lo ha sempre ripetuto Paolo Boldrini e lo ha confermato ieri Paolo Deflorian nel saluto finale:  «Guardate l’aspetto ludico e sociale per una volta, Race Future Club è una grande opportunità tecnica e di apprendimento certo, ma anche una festa di fine stagione senza il cronometro in primo piano»..

I 24 Children del Race Future Club

Gigante e slalom per le categorie. Il primo  giorno su una neve decisamente più molle, dura e compatta invece ieri per l’atto finale. Piace e condividiamo, fra i tanti, l’intervento di Damiano Scolari, il coach responsabile del gruppo Coppa Europa femminile forte di 5 posti fissi, di una stagione insomma sensazionale. Il tecnico veronese si è soffermato con gi allenatori dei sodalizi: «Il livello Children italiano è da sempre fra i movimenti più significativi. La scuola italiana tecnica è un esempio, un’eccellenza. Ma dobbiamo farci, senza stress e preoccupazioni eccessive, domande sulla reale efficacia. A volte stiamo a cercare la perfezione tecnica, la curva migliore, gli esercizi più innovativi ed addestranti. Tuttavia non sempre paga in termini di risultati». Proprio così, ha ragione Scolari. Faciamo fatica nell’alto livello, eccezion fatta del tridente femminile delle meraviglie e di Paris. Un bacino numeroso e vincente quello Children, poi un forte rallentamento in termini di risultati. Cosa fare? «Nessuno ha la bacchetta  magica, dobbiamo guardarci intorno, vedere cos fanno gli altri. lasciar i nostri ragazzi più liberi». In questa direzione sono andate anche le correzioni in pista. I tecnici Fisi hanno voluto vedere sciare i ragazzi, senza in continuazione correzioni. «Noi vogliamo vedervi sciare e dare indicazioni di massima. Non desideriamo e non è corretto sostituirci ai vostri tecnici», chiosava Deflorian proprio ieri ad alcune ragazze prima del gigante. Scolari faceva anche un esempio, estremizzando ma non troppo. «Un giorno sarebbe da tracciare e andare tutta la mattina al bar. Far esprimere questi ragazzi diversamente». Intanto è calato il sipario su Race Future Club e anche sula stagione agonistica 2023/2024.

Altre news

La Fisi incontra il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella

La Fisi è stata ricevuta al Quirinale dal Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Dopo le parole del presidente del Coni, Giovanni Malagò, l’intervento del numero della Fisi Flavio Roda: «Oggi è una giornata che rimarrà nei nostri cuori e...

L’effetto Verdú sullo sci andorrano

Ad Andorra, adesso che la squadra di calcio è in piena zona retrocessione nella Liga spagnola 2 (la nostra serie B) lo sci è a tutti gli effetti lo sport nazionale del Principato. Non che prima lo sci non...

I norvegesi ripartono dal Trentino

Anche quest'anno la Nazionale norvegese ha scelto il Garda Trentino per il ritiro estivo, con allenamenti tra il Lago di Garda e le Dolomiti della Paganella. Dal 19 al 24 maggio, undici atleti ed i loro tecnici hanno sfruttato...

Pronte le squadre del Comitato AOC

Definite le squadre del Comitato AOC. Linea di continuità con la conferma degli allenatori Alberto Platinetti per il settore femminile, Ruggero Barbera per quello maschile e Alessandro Roberto in affiancamento per entrambe le squadre. Il responsabile Oriano Rigamonti ha...