Race Future Club, il primo giorno nell’inverno livignasco

Prima giornata del Race Future Club nell’inverno di Livigno. Altro che metà aprile, sembrava di essere a gennaio, tra neve, vento e temperature ampiamente sotto lo zero alle sette e mezza del mattino mentre si tracciava, grazie alla ski area della Sitas che ha consentito un’apertura anticipata e riservata proprio per il Race Future Club.

Ma tutto è filato al meglio: tempo di slalom, oltre una decina di giri a testa, prima di un percorso di addestramento per chiudere l’allenamento. Andrea Truddaiu e Gianluca Grigoletto con un occhio di riguardo per Ragazzi, Massimiliano Blardone e Alexander Ploner concentrati sugli Allievi, con Paolo Deflorian e Paolo Boldrini un po’ jolly della situazione.

Condizioni non facili, quello che un po’ era l’obiettivo dei tecnici azzurri, per vedere le nuove leve dei Children alle prese con situazioni di adattamento. All’inizio tutti un po’ contratti, complice un po’ di emozione o la voglia di fare tutto bene e subito, e metteteci anche per la neve e la visibilità, poi tutti si sono sbloccati e hanno iniziato sciare come sanno con le indicazioni dei loro tecnici del club e gli accorgimenti mirati di quelli della Nazionale. Il principio di questa iniziativa, pensata dalla nostra rivista in collaborazione con la Fisi, era proprio di iniziare un percorso di conoscenza, tecnica e ma anche personale verrebbe da dire, tra il mondo dei Children e quello dei grandi…

Un venerdì intenso che è continuato nel pomeriggio con un riconoscimento per tutti i partecipanti che tornano a casa con il classico attestato, una felpa e uno dei nostri libri: conoscere le storie di Hirscher, Svindal, Lindsey Vonn o Pinturault (in rigoroso ordine di uscita…) è sicuramente uno stimolo in più per loro all’inizio di questa avventura nel mondo dello sci.

 

Ma non è certo finita qui: i tecnici azzurri hanno filmato le discese in slalom, sono state analizzate a video con Grigoletto e Blardone, pronti a spiegare non solo i loro passaggi, ma introducendo anche concetti sulle sciate dei protagonisti di Coppa del Mondo. Tutti incollati al monitor, attentissimi alla lezione

Sabato si torna in pista, dando spazio al gigante, visto che le condizioni meteo a Livigno sono in netto miglioramento con il sole che è riuscito a bucare le nubi. E allora Marta, Camilla, Anaïs, Giulia, Nicole, Carlotta, Giada, Alenah, Benedetta, Ludovica, Luca, Andrea, Edoardo, Lorenzo, Federico, Leonardo, Matthias, Riccardo, Gaetano e Andrea potranno di nuovo scatenarsi e soprattutto divertirsi. Una sorta di ultimo giorno di scuola, pardon di sci…

 

Altre news

Master istruttori: in 103 a darsi battaglia nel gigante di selezione a Livigno

LIVIGNO - Il gigante prima prova per accedere al Master struttori nazionali di sci alpino non è solo una selezione, non è esclusivamente il primo ostacolo per accedere al Master 2024. E' qualcosa di più, molto di più. E'...

È uscito Race ski magazine 176, incentrato sui grandi eventi giovanili di fine stagione

La stagione agonistica 2023/2024 è in archivio, ormai tutti i circuiti si sono chiusi, anche se qualche atleta, soprattutto di alto livello, è ancora in pista per sfruttare le condizioni, testare materiale e affinare il gesto tecnico. Com’è andata...

Kitzbühel e Sestiere, EA7 Winter Tour a tutta

Il viaggio continuo, che entusiasmo EA7 Winter Tour: dappertutto, ovunque. Da appiausi per gestione, organizzazione, offerta. E sulle Alpi non poteva mancare la tappa mitica in Austria  a Kitzbuehel. Posizionati in area Sonnenrast, l’igloo EA7 ed il gatto delle...

Zermatt chiude alle Nazionali, ma a rimetterci veramente solo gli svizzeri

Ci avete tolto la Coppa del Mondo, bene non daremo la possibilità di allenarvi in ghiacciaio. Questa in estrema sintesi la decisione del direttivo della Zermatt Bergbahnen. Nella prossima estate solo le squadre di sci d’élite, insomma le Nazionali,...