#PEZDI – Schladming: Night Race, Night Train

3

Poi ci chiediamo perché lo sci in Austria e in Svizzera è anni luce avanti rispetto a noi. La montagna in Italia, seppur parliamo di un paese alpino e appenninico, è sempre stata percepita come qualcosa di diverso, di inarrivabile, di estraneo. Basti pensare ai mezzi di trasporto per raggiungere le località italiane. Inefficienti, anzi ridicoli. Altrove, ma mi viene da dire per esperienza ovunque, non è così. Domani c’è la grande notte di Schladming in Austria, più precisamente in Stiria: ecco la «Night Race», con Wengen e Kitzbuehel uno dei tre eventi per antomomasia dello sci alpino. Il resto? Non esiste paragone. Provare, vedere per credere. La notte di Schladming inizia con la notte sulle ferrovie austriache e il NightJet da Milano a Vienna. Un treno albergo, con la possibilità di compartimenti singoli, doppi e tripli. Un treno hotel. Per Schladming la fermata è Leoben, quindi subito la coincidenza per Schladming. La Stiria si può raggiungere così, più semplice che arrivare a Foppolo o al Passo del Tonale, più facile di giungere a Cortina o al Passo dello Stelvio. Perché l’Austria o la Svizzera, oppure la Slovenia, o anche i paesi Scandinavi, hanno una visione completamente diversa. Per noi montagna e sci sono sempre più esclusivi, non più di massa. E così ai nostri eventi di Coppa del Mondo di sci, forse eccezion fatta per Madonna di Campiglio, quattro gatti nei parterre e nelle tribune. A Kitzbuehel hanno fatto una fermata ferroviaria: Kitzbuehel- Hahnenkamm si chiama. A Wengen ci arrivi solo con il treno ormai, e da Milano a Lauterbrunnen ci metti quattro ore come in macchina. Ad Adelboden c’è la fermata dei treni veloci a Frutigen in inverno: quindi le navette veloci e confortevoli sempre in perfetta coincidenza. Se cammini per la  stazione di Briga, inoltre ad esempio, ti accorgi di gente con gli scarponi da sci che si accingono a salire sui treni per le località del Vallese, Zermatt in prima battuta. Noi siamo indietro. Provinciali, schizzinosi, sfigati aggiungerei. Abbiamo proprio perso il treno. Ci vediamo in Stiria allora, buona notte! Domani ci sono #IRagazzi!

3 COMMENTI

  1. Italia, come al solito, calcio e basta. I podi di quest’anno e quelli dell’anno scorso non sono serviti a nulla. Come non sono serviti a nulla quelli della “Valanga” o quelli di Tomba,Compagnoni,Ghedina ecc.
    Lo sci in Italia non sarà mai uno sport popolare. Austria,Svizzera e anche Francia hanno una cultura diversa, solo l’Altoadige si avvicina un pò, ma quella non è Italia.
    Comunque, basta l’esempio di Bormio, arrivarci, ancora oggi è un’ impresa.
    Buon divertimento per domani sera, e speriamo, ma solo speriamo che i nostri “Nonni”si ricordino che sono stati grandi. Un saluto

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.