22 gennaio 2012: stoccata vincente nello slalom di Kitzbuehel. C’ero. Ultimo atto in Coppa del Mondo 4 marzo 2018. C’ero. E poi c’ero in tante gare di Coppa del Mondo, in Coppa Europa, ai Campionati Italiani, agli stage di allenamento. E c’ero ai Mondiali di Bormio, Aare, Garmisch Partenkirchen e alle Olimpiadi di Whistler Mountain. E anche a gennaio quando a Wengen si era preso una stirata al ginocchio. Era lì nel bar all’altezza della fermata del trenino di Allmend con una borsa del ghiaccio e quasi con la consapevolezza che quella era una delle ultime battaglie. Fare il giornalista ti porta a vivere emozioni e condividere gioie. E tanti ricordi. E non dimenticherò mai quella corsa nella sua camera di albergo a Kitzbuehel dopo la premiazione per fare la video intervista dopo quel magico trionfo. Già, in albergo, perché le interviste di rito in sala stampa non mi sono mai piaciute e non mi piaceranno mai. Una festa celebrativa oggi a Moena, per me una miscela di entusiasmo e malinconia, di gioiosi ricordi e di nostalgia. Deville è un pezzo della mia carriera giornalistica, Deville è uno di quelli che mi ha fatto sognare, Deville è uno di quelli che ho sostenuto fino all’ultimo anche in queste ultime stagioni quando non era sempre considerato. Uno buono, un testardo, uno trasaparente. Un Re, il Re di Kitz. 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.