Dominik Paris ©Agence Zoom

Cambia il tracciato della Vertigine, non cambia l’uomo che è al comando delle prove. È sempre Dominik Paris davanti, anche se i training vanno sempre presi con le pinze. Oggi l’azzurro, su un tracciato in parte rivisto ma ancora un po’ lento nella parte alta, ha fatto segnare il miglior crono: 1’39”57. È stato avanti all’austriaco Max Franz per 13/100, con terzo tempo per lo svizzero Beat Feuz, staccato di 36/100. «Oggi molto meglio il tracciato – racconta Dominik Paris -. Dovrò ancora sistemare qualcosa, non ho forzato, mi sono alzato in alcuni punti della pista». 

Bellissima prova per l’altoatesino Florian Schieder, quinto a 44/100, che sul traguardo ha anche spiegato la linea dell’Italia: «Nessuna selezione in pista oggi – ha detto -. Ci hanno detto che sarà scelta tecnica». Con un posto già nel quartetto iridato, ha fatto una buona prova, così come Matteo Marsaglia che ha fatto registrare il settimo tempo. Ventesimo Emanuele Buzzi che rimane fuori dalla discesa di domani. Christof Innerhofer, in gara domani insieme a Paris, Marsaglia e Schieder, ha concluso la sua prova con il 36° tempo. Non è partito Mattia Casse, forse un po’ dolorante dopo aver lavorato duramente per il recupero post infortunio.