Dopo lo splendido argento di Sofia Goggia, oggi tocca ai ragazzi. Dominik Paris, Christof Innerhofer, Matteo Marsaglia e Mattia Casse. Un viaggio infinito a causa dei noti ritardi, solo una sciata in pista per assaggiare il manto nevoso svedese. Ad Åre ecco il superG che apre la rassegna iridata maschile. Ieri sciata in pista per qualche atleta senza materiale in quanto non era ancora arrivato in mattinata da Stoccolma, per qualcuno addirittura l’obbligo di farsi prestare un paio di sci. Una vigilia ricca di polemiche, anche perchè diversi team, fra cui quello italiano, avevano chiesto di spostare il superG a causa della tribolata vigilia. «La priorità è il calendario», ha affermato tuttavia Markus Waldner della FIS. E allora tutti in pista per il superG mondiale, con gli azzurri determinati a fare il colpaccio. Serenità nonostante tutto in casa azzurra, anche se il superG sarà davvero un’incognita. Appuntamento ore 12.30, pista Olympia. 

Guarda la start list del superG maschile 

ECCO PARIS – Ma ecco Dominik Paris, al via con il numero 3, che sostiene: «Sono arrivato qui senza fermarmi un giorno, sono partito da Innsbruck e siamo stati fortunati io e Feuz a beccare l’ultimo volo per Oestersund. Normale non lo è stata la vigilia, domenica non ho fatto nulla perché non avevo il materiale, ma sono comunque tranquillo. C’è vento, speriamo si possa partire in cima in discesa. La pista è molto bella, l’hanno bagnata, hanno lavorato bene. I favoriti sono quelli che vivono qui o comunque vicino, e anche gli austriaci sono forti su questa neve in queste condizioni. Se abbassano la partenza? Per me è meglio un percorso più lungo…». 

Dominik Paris