Odermatt primo, Adelboden si esalta

A chi gli chiedeva se Adelboden fosse a rischio, Markus Waldner rispondeva sicuro che gli organizzatori ce l’avrebbero fatta. E così spunta una Chuenisbärgli in mezzo ai prati verdi: impossibile rinunciare alla Coppa del Mondo, impossibile per i soliti oltre ventimila spettatori attesi. Che impazziscono per il best crono di Marco Odermatt e per il terzo tempo di Loïc Meillard. Nel mezzo c’è Henrik Kristoffersen; ci sarebbe potuto essere anche Lucas Braathen, il più veloce di tutti nei primi due settori, ma fuori gioco per un’uscita dopo aver infilato il braccio in una porta.
Neve poca e i dossi si fanno sentire nelle gambe; i primi tre hanno saputo tenere dall’inizio alla fine e il margine tra loro è minimo: 32 centesimi per il norvegese, 49 per Meillard. Poi i distacchi salgono subito sopra il secondo con Alexis Pinturault a 1.19, Manuel Feller a 1.31, Gino Caviezel a 1.58 e Victor Muffat-Jeandet (partito con il 22, quando la pista iniziava già a scaldarsi) a 1.78.
Da Zan Kranjec il margine sale a oltre due secondi (+2.03), appena due centesimi su Aleksander Aamodt Kilde e quattro su Marco Schwarz che completano la top ten.
Gli azzurri. Ottima prestazione di Filippo Della Vite con il pettorale 26: sui tempi dei primissimi nella parte alta, poi lotta sino alla fine chiudendo nei quindici a 2.54. Gara un po’ fotocopia quella di Luca De Aliprandini, veloce in alto, un po’ conservativo nel finale: è subito dietro a 2.61. Errori per Simon Maurberger e Giovanni Borsotti: il primo si sdraia nella parte centrale, il secondo si pianta nel muro finale; per entrambi margine oltre i 4 secondi.
Centra la qualifica invece Hannes Zingerle, 25° a 3.72, appena fuori dai trenta Giovanni Franzoni, out Riccardo Tonetti e Tobias Kastlunger.

©Agence Zoom

Altre news

Definite le squadre del Comitato Alto Adige

Linea di continuità, dopo i cambiamenti dello scorso anno nel Comitato Alto Adige. Christian Thoma continua a ricoprire il ruolo di responsabile della sezione sci alpino; in campo inoltre Christian Polig (VSS), Thomas Valentini (Grand Prix) e Thomas Rungg...

Gardena 2029, si decide il 4 giugno. Roda: «Grande lavoro condiviso da tutto il territorio»

Il 4 giugno in Islanda a Reykjavík alle ore 18 (20 italiane) la votazione al congresso FIS  per decidere l'assegnazione dei Mondiali di sci alpino del 2029. In prima linea la nostra Val Gardena che dovrà vedersela con la...

La Fisi incontra il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella

La Fisi è stata ricevuta al Quirinale dal Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Dopo le parole del presidente del Coni, Giovanni Malagò, l’intervento del numero della Fisi Flavio Roda: «Oggi è una giornata che rimarrà nei nostri cuori e...

L’effetto Verdú sullo sci andorrano

Ad Andorra, adesso che la squadra di calcio è in piena zona retrocessione nella Liga spagnola 2 (la nostra serie B) lo sci è a tutti gli effetti lo sport nazionale del Principato. Non che prima lo sci non...