In conferenza stampa contro Frattini, Senoner, Dalpez e Ravetto

Milano, Circolo della Stampa. Giovanni Morzenti riunisce i giornalisti per commentare la sentenza dell’Alta Corte di Giustizia del Coni. Pochi i colleghi, qualche curioso, presente il ‘fedele’ Antonio Noris, unico ex consigliere federale. Morzenti attacca subito, senza ‘peli sulla lingua’, come è abituato a fare. Attacca il Ministro Franco Frattini, "La Fisi è stata commissariata per ragioni squisitamente politiche riconducibili al Ministro Franco Frattini". Alta Corte del Coni condizionabile allora? L’ex-presidente Fisi fa un passo indietro: "No, l’Alta Corte non è stata condizionata dal Ministro". Tuttavia Morzenti per gran parte della conferenza stampa, durata quaranta minuti circa, parla sempre di Frattini: "Ha sempre alimentato polemiche contro la Fisi. Del resto è un interesse ossessivo e diretto il suo, che nasce dal suo antico ruolo di presidente della commissione scuola maestri di sci, confermato dalla tempestività con cui ha fatto pervenire il suo commento sul commissariamento Fisi. Questo comportamento anomalo, che intende con la forza della sua autorità adoperata in modo inproprio e inopportuno, indirizzare e manipolare i vertici e il modus operandi della Fisi, tende invece a vanificare quanto finora fatto per il bene comune della medesima federazione". Intanto arriva ‘live’ la notizia che è Franco Carraro il nuovo Commissario: "Auguri di buon lavoro. Io tuttavia non mi candido nuovamente. Ho fatto tutta la carriera federale, dal club al Comitato, alla presidenza Fisi. Non ho più intenzione di ricandidarmi, è ufficiale. E’ un impegno, un atto di volontariato, se nemmeno non mi diverto più…Certo, vedrò se fare ricorso al Tar per la sentenza dell’Alta Corte di Giustizia del Coni. Con questa sentenza, il volontariato associativo ha preso un grosso schiaffo". Ancora su Frattini: "In maniera ossessiva ed intimidatoria ha architettato trame frutto di manipolazione politica. Interferenze per il grado di parentela che lo lega all’ex presidente Fisi Gaetano Coppi, suo suocero….L’obiettivo di Frattini nell’infierire contro la Fisi si colloca in un contesto di interessi e favoritismi che vedono coinvolto, fra gli altri, il suo amico Ferruccio Tomasi, che in Fisi fallì rovinosamente come direttore Coscuma". Cade Morzenti, cade di conseguenza anche il Consiglio: "Abbiamo lavorato con forza, con risultati, risanando i debiti. Più risorse alle squadre, investimenti nel marketing e nella comunicazione, con un ufficio stampa più solido. Ringrazio il Consiglio, anche chi come Lorenzo Conci poteva avere una visione differente, ma che è sempre stato collaborativo, lavorando e proponendo. Non è così ad esempio per un Rainer Senoner, che si interessava solo delle sue questioni, ovvero i diritti tv, visto che è un promotore della Coppa del Mondo in Gardena. Ottimi rapporti anche con i Comitati, anche se ci sono quelli come Angelo Dalpez del Trentino, che ha saputo esclusivamente criticare". L’ultima frecciata è per Claudio Ravetto: "Non doveva e non poteva parlare di determinati argomenti. Lo ha fatto sempre senza nemmeno documentarsi, senza sapere la verità Un errore".