Moelgg: 'Scommessa vinta, tornato piu' forte di prima'

Secondo podio della stagione, sedicesimo in Coppa del Mondo

Il Chuenisbargli regala un’altro podio a Manfred Moelgg, Questa stagione era stato secondo a Soelden, in slalom non saliva sul podio da Zagabria anno 2009-2010.

ANNO TRIONFALE – Una marcia trionfale quella del ladino di Mareo in questa stagione: dopo il podio di Soelden, quarto in slalom a Levi, in gigante a Beaver Creek e ieri, poi quinto in slalom a Madonna di Campiglio e settimo a Zagabria. E poi il tricolore in slalom. Per il ‘senatore’ marebbano il sedicesimo podio in Coppa del Mondo, a cui si deve aggiungere un Coppa del Mondo di slalom e due medaglie iridate. Tanta roba.

«VOLEVO BATTERE HIRSCHER» – Manfred Moelgg si gode questo podio: «Una manche fantastica la prima, nella seconda sono partito per vincere. Non ho fatto calcoli, sono partito ‘a tutta’ e volevo battere Marcel Hirscher. Non ho fatto errori, solo all’attacco del muro sono stato meno sciolto e fluido del solito. Tuttavia sto bene, vedo che ogni giorno cresco di condizione e sto facendo un’ottima stagione. La migliore? Probabile, anche se se non ho ancora rivinto, però ho vinto una scommessa con me stesso, ovvero sono tornato più forte di prima dopo un anno difficile in cui ho ‘resettato’ tutto per ripartire».

OBIETTIVO MONDIALI – Adesso ci sono ancora due slalom e poi le gare dei Mondiali. Obiettivo? Ho il podio nelle gambe, e quello che più mi da’ serenità è che ho ancora margine». Adesso per Moelgg e gli slalomisti tre giorni a casa e allenamento per Wengen ancora da decidere. Probabilmente torneranno ad Adelboden per preparare il secondo appuntamento della stagione del Circo bianco nel Bernese.

Altre news

Fondazione Cortina incontra Atomic al quartier generale di Altenmarkt

Mancano diversi mesi al via della stagione invernale 2024-25 la quale, per il terzo "inverno" consecutivo (e fino al 2026), vedrà Atomic, il Brand leader a livello mondiale nel mondo dello sci, e Fondazione Cortina, l’Ente organizzatore dei grandi...

L’italiano Andrea Nonnato nuovo preparatore di Vlhová

Cambia il preparatore atletico di Petra Vlhová, che resta però legata all’Italia. Ha lasciato Marco Porta ed è entrato Andrea Nonnato. Il tecnico ha lavorato a Liptovský Mikuláš nelle ultime settimane, seguendo Petra nel suo ritorno ad alto livello dopo...

Addio a Piermario Calcamuggi

Addio a Piermario Calcamuggi. È morto ieri a Torino, dov'era ricoverato a seguito di un intervento chirurgico. Aveva 77 anni. Dopo l’intervento era stato in grado di parlare con la moglie Ita e con i figli, Matteo ed Elisa,...

Sofia Goggia, buone sensazioni sulla neve allo Stelvio: «Mi sento molto bene, sempre meglio»

Il ritorno di Sofia Goggia passa da Bormio e dal ghiacciaio del Passo dello Stelvio. A cinque mesi dall’infortunio, la bergamasca, dopo una prima uscita in pista alcune settimane fa, è tornata in ghiacciaio da venerdì per un altro...