Martedì la riunione della Giunta del CONI, ma Cortina, Milano e Torino dovranno ancora aspettare

Martedì alle 12.30 a Roma ci sarà la riunione della Giunta Nazionale del CONI: si parlerà dei Giochi Olimpici 2026 di sicuro, ma non si saprà ancora quale sarà la sede candidata per l’Italia, scelta tra Cortina, Milano e Torino, piuttosto solo la data di quando sarà annunciata. Quasi sicuramente entro luglio, perché già a ottobre il CIO dirà nel congresso di Buenos Aires chi saranno le candidate, mentre la decisione dell’assegnazione definitiva sarà a settembre del 2019 a Milano. Ci vuole più tempo per esaminare i dossier, il Governo ha detto sì (con l’indicazione che sia una Olimpiade low cost), tocca, però al CONI decidere. Anche perché chi vince la sfida interna ha davvero buone possibilità di vincere anche quella internazionale. Perché dopo Sion si è ritirata anche Graz (e l’Austria) e in Europa resta solo Stoccolma. C’è ancora il Giappone (ma dopo le ultime due edizioni in Asia, il CIO vorrebbe tornare in Europa, e dunque Sapporo potrebbe pensare al 2030), il Canada (ma a Calgary inizia a crescere il fronte del no) e la Turchia. Potrebbe essere soprattutto una partita Italia-Svezia (che i Giochi invernali non li ha mai ospitati): il governo svedese non ha ancora espresso il suo appoggio, magari al CIO potrebbe di nuovo esserci la doppia assegnazione con 2026 all’Italia e 2030 alla Svezia (o al Giappone). E poi pesano le parole del presidente FIS, Gianfranco Kasper, in una una intervista all’Adnkronos. «Credo che l’Italia abbia veramente una grande possibilità questa volta, soprattutto perché dopo la Svizzera anche l’Austria è uscita dalla corsa. Tra le tre candidature italiane quella che conosco meglio è quella della Lombardia. Posso dire che le possibilità sono tante, e che l’Italia in questo momento è veramente favorita, ma la scelta tra le tre dipende dal CONI». Milano dunque favorita sulle altre? Cortina e Torino non si arrendono, vedremo. Chissà, magari una soluzione ‘mista’ con una città sede candidata, e altre che invece ospitano qualche gara?

Altre news

Il progetto “Juniors to Champions” di Atomic è realtà anche in Italia

Il progetto Juniors to Champions di Atomic è realtà anche in Italia. Il più grande produttore di sci al mondo, che ha come obiettivo quello di accompagnare i giovani ed emergenti talenti che puntano ai grandi palcoscenici, vuole fornire...

Gruppo Rossignol ha radunato i suoi 45 istruttori nazionali

Il Gruppo Rossignol chiama a raccolta i “suoi” Istruttori nazionali per presentare il nuovo progetto di “brands promotions”. In occasione dell’aggiornamento ufficiale della Fisi a Cervia, Rossignol, lo scorso 24 maggio, ha anticipato il momento di formazione organizzando una...

Definite le squadre del Comitato Alto Adige

Linea di continuità, dopo i cambiamenti dello scorso anno nel Comitato Alto Adige. Christian Thoma continua a ricoprire il ruolo di responsabile della sezione sci alpino; in campo inoltre Christian Polig (VSS), Thomas Valentini (Grand Prix) e Thomas Rungg...

Gardena 2029, si decide il 4 giugno. Roda: «Grande lavoro condiviso da tutto il territorio»

Il 4 giugno in Islanda a Reykjavík alle ore 18 (20 italiane) la votazione al congresso FIS  per decidere l'assegnazione dei Mondiali di sci alpino del 2029. In prima linea la nostra Val Gardena che dovrà vedersela con la...