Pietro Marocco ha ufficializzato la candidatura per la presidenza FISI sabato scorso. Una candidatura che non ha presentato ancora formalmente ma che è già sulla carta. Nel video ecco quali sono le idee del presidente AOC che sfiderà il presidente uscente Flavio Roda e Manuela Di Centa, che proprio oggi presenta la sua candidatura a Milano.

5 COMMENTI

  1. Tanti buoni propositi…. A parole. Purtroppo servono i fatti. Vorrei fare una domanda a chi ne sa più di me, quanto da la federazione ad ogni singolo comitato? 50.000 euro, quindi non più di 1.500 euro per ogni sci club? Servono davvero 1000 e rotti euro ad uno sci club? Non sarebbe meglio non dare soldi ai comitati e usare questi per fare una bella squadra giovanile? Magari divisa in 2 staff?

  2. A chi dobbiamo prestar fede? A quelli che dicono che in questi 6 anni non sia cambiato nulla in AOC o a quelli che dicono che Marocco abbia davvero risollevato le finanze dello stesso. Inoltre così come esposto il programma pare solo un bel libro delle buone intenzioni ed al momento francamente non si capisce come si possa realizzarlo. Si spera che con la pubblicazione del suo documento programmatico si possa capire un poì meglio la direzione e le risorse impiegabili per raggiungere degli obiettivi così ambiziosi (Alto livello e giovani sullo stesso pian; maggiori contributi ai comitati regionali; osservazioni continuativa e permanente già dalla categoria allievi con stage di allenamento con i migliori di ciascun comitato).
    Tutto molto bello, ma per ottenere un simile investimento occorrono molti soldi. Spero che non ci si limiti a redistribuire lo scarno budget federale su voci diverse confidando in fantomatici risparmi di gestione o in maggior contributi CONI. Comunque aspettiamo e vederemo quanto tutto questo verrà steso su carta per comprendere meglio. Buon lavoro a tutti.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.