Marcel sempre più forte. Ed un applauso a Aerni

Grande spettacolo al night slalom di Campiglio, una tappa che fortunatamente non è più in discussione e fa parte del calendario di Coppa del Mondo in maniera fissa. Una pista unica, uno stadio naturale perfetto per un contesto italiano dove non possiamo contare la folla di Kitzbuehel o Schladming, ma dove gli spazi ristretti consentono di percepire il calore dei tifosi, accorsi comunque a migliaia. Gara bellissima come sempre sul Canalone Miramonti, tirata più che in passato, con i primi dieci classificati in meno di 8 decimi di secondo. Distacchi ridotti anche grazie al manto nevoso, compatto ma non ghiacciato, più facile da gestire. Il protagonista è di nuovo lui, Marcel Hirscher, vincitore con merito.

Marcel Hirscher ©Agence Zoom

VINCE SEMPRE LUI – Il fuoriclasse austriaco non sbaglia un colpo, anzi, sbaglia e vince comunque. Ieri ha impressionato più di altre volte. Nella seconda manche è apparso in difficoltà in più di una circostanza, ma ha saputo reagire e risolvere situazioni che solo lui è in grado di gestire in maniera efficace. Se ce ne fosse ancora bisogno, va sottolineata la capacità di Hirscher di gestire l’errore, la reattività e l’equilibrio che è in grado di mantenere o riprendere a seconda dei casi. Dove sbaglia, non esce, al contrario di molti altri. Non solo, ma risolve il problema in poco spazio e tempo, restando così sempre in gara, in lotta per la vittoria. Tecnica, potenza, velocità, resistenza, tattica, intelligenza, consapevolezza, capacità di sviluppare i materiali. Chi oltre a lui possiede tutte queste caratteristiche messe assieme?

Vierin e Aerni ©Gabriele Pezzaglia

AERNI C’E’ – Ieri sera, Henrik Kristoffersen e il bravissimo Luca Aerni stavano già festeggiando dopo il grosso errore dell’avversario, ma alla fine è prevalsa la rassegnazione. Marcel Hirscher è il più forte, il più forte di sempre. Dopo la frattura al malleolo dello scorso agosto, c’è chi metteva in dubbio la sua stagione olimpica. Del resto è prassi che per recuperare da un grave infortunio ci voglia tempo e non sia semplice tornare subito competitivi. Anche in questo caso, Hirscher ha stupito tutti tornando alla vittoria nel gigante di Beaver Creeek, a poco più di tre mesi dall’infortunio e in questo momento sembra addirittura più forte dello scorso anno.

Marcel Hirscher ©Agence Zoom

VERSO LA SETTIMA SFERA DI CRISTALLO – Ci piace immaginare la settima coppa del mondo generale consecutiva, sarebbe meritata anche questa. E qui non entra in gioco la simpatia o il tifo (obiettivamente Alberto Tomba e Bode Miller erano più amati dai tifosi). Parliamo di un professionista che come altri campioni non lascia nulla al caso, ma che grazie a una classe enorme è in grado di ripetersi nel tempo, immune alla pressione degli avversari e per ora, agli anni che avanzano.

Altre news

Quante medaglie vincerà la Svizzera ai Mondiali?

È sicuramente una delle squadre più competitive ai Mondiali di Courchevel/Méribel. Tanto che dei quattordici atleti della squadra maschile, previsti per la rassegna iridata francese, Swiss-Ski al momento ne ha inseriti solo nove, attendendo i risultati dell’ultimo slalom di Coppa...

Pinturault, Noel, Clarey, Worley: i francesi al via dei Mondiali di casa

Sono i Mondiali di casa e dunque i francesi vorranno fare bella figura. Occhi puntati prima di tutto sull’atleta di casa, visto che a Courchevel ha l’albergo di famiglia (l’Annapurna), vale a dire Alexis Pinturault. La prima gara iridata è...

Coppa Europa, Molteni sul podio nella seconda discesa di Orcieres. Quarto Zazzi

Seconda discesa di Coppa Europa in Francia, sulle nevi di Orcieres. Doppietta svizzera con il successo di Marco Kohler che chiude con 14 centesimi di vantaggio su Josua Mettler, mentre sul terzo gradino del podio sale Nicolò Molteni a...

Val di Fassa, Goggia e le azzurre della velocità preparano i Mondiali

Appena archiviata la 50a Marcialonga e la terza edizione della Fis Baltic Cup, la Val di Fassa torna a puntare l’obiettivo sulle Piste Azzurre, casa degli azzurri dello sci alpino, grazie alla collaborazione fino al 2026 con la Fisi. Per...