Man of the weekend: Luca De Aliprandini

Senza nulla togliere ad Alexis Pinturault, dominatore assoluto dei due giganti corsi nell’ultimo week-end di Hinterstoder, vogliamo soffermarci sulla performance che ha forse impressionato maggiormente.

Il protagonista è Luca De Aliprandini, autore di una seconda manche a dir poco perfetta, nel gigante di venerdì. Ne aveva un gran bisogno l’atleta trentino. Dopo il lungo infortunio che lo ha tenuto fermo la scorsa stagione, ha faticato non poco per tornare ai vertici, a conferma di quanto sia difficile risalire la china, considerato l’altissimo livello e concorrenza nel circuito maschile. Un inverno non facile, anche se non sono mancati i segnali di ripresa, purtroppo non sempre concretizzati. Non solo in coppa del mondo, ma anche in coppa Europa, Luca non ha avuto vita facile, complice anche l’infortunio ad una mano dello scorso dicembre in super G, specialità che giustamente continua a curare visto il calendario balordo dei gigantisti puri.

Si dice sempre che il lavoro e la tenacia pagano e anche questa volta è arrivata la conferma. A Hinterstoder abbiamo assistito ad una prova di grande carattere, tradotta in qualità tecnica, fisica e mentale, assoluta. Dopo una comoda qualifica nella prima manche, De Aliprandini ha saputo esprimere il massimo nella seconda, sciando al limite, ma sempre a tempo e con la massima continuità. Il lungo muro della pista intitolata a Hannes Trinkl è stato un capolavoro. Impossibile non notare la maggiore velocità rispetto agli altri, grazie a traiettorie perfette, mantenendo costante aderenza al terreno, senza il minimo cedimento. Bello da vedere e soprattutto efficace a livello cronometrico. Non solo. Ha saputo sfruttare la velocità creata sul muro anche nel lungo tratto finale. Il risultato è una manche perfetta, da dieci e lode, che regala lunghi minuti nel leader corner, rimontando ben 19 posizioni.

Nel gigante di domenica non arriva il bis, o comunque non del tutto. Con un quindicesimo posto, sempre in rimonta, c’è comunque la conferma e la consapevolezza di essere tornati al top. Ora l’obiettivo è la qualifica per la finale di St. Moritz, ma al di là di tutto, crediamo che la manche stupenda di venerdì resterà a lungo nella memoria, non solo sua.

Altre news

Roberta Melesi lancia un bel segnale: «Ho tirato fuori quello che sto costruendo»

Dietro a Marta Bassino e Federica Brignone (ieri nona con alcune sequenze buone e altre da rivedere) c'è qualcosa che si muove. Ed è una bellissima notizia per il gigante azzurro e più in generale per tutto il movimento....

Divertimento e spensieratezza le parole d’ordine di Marta Bassino

Prima di Soelden, gli addetti ai lavori che hanno avuto modo di seguire le atlete in pista, parlavano di due atlete in grande forma: la svedese Sara Hector (ieri terza) e l'azzurra Marta Bassino. Ma poi quel gigante sul...

Kilde apre le danze della velocità con un successo a Lake Louise

La prima discesa della stagione è nel segno di Aleksander Aamodt Kilde. A Lake Louise il maltempo concede una tregua: visibilità spesso piatta, a volte con il sole, ma pista bella compatta. Il norvegese, con il pettorale 6, primo...

Killington: Bassino seconda dietro solo a Gut-Behrami. Nona Brignone, Melesi ottima 11a, primi punti per Colturi

È di Lara Gut-Behrami il primo gigante della stagione. L'elvetica ha vinto la prova di Killington - con partenza abbassata per il vento - con soli 7/100 sull'azzurra Marta Bassino che centra subito il podio, il ventiduesimo della sua...