Man of the weekend: Henrik Kristoffersen

Mancava all’appello di questa rubrica Henrik Kristoffersen, non certo per mancanza di meriti. A soli 22 anni è letteralmente esploso, nonostante i risultati non mancassero anche le scorse stagioni. Con la vittoria di Adelboden, sono tre su quattro. L’avversario da battere è sempre lo stesso, Marcel Hirscher, il quale non sembra digerire bene la sconfitta, considerata a sua volta la grande performance.

STATO DI GRAZIA – Il fuoriclasse norvegese è decisamente in palla, sbaglia poco ed è sempre efficace, su qualsiasi pendio o tipo di neve. Ne ha già parlato Claudio Ravetto ed è vero, il suo aspetto quasi da bambino rende i risultati ancor più impressionanti. La rapidità con cui si muove, sempre al momento giusto, consente di mantenere equilibrio e centralità costanti. In tal modo riesce a essere sempre attivo, aderente al terreno e in spinta sullo sci, senza mai cedere a livello muscolare. Non manca infatti la forza e la resistenza alla forza. Banale dirlo, ma è davvero completo, grazie probabilmente a una mole di lavoro enorme, non solo a livello atletico.

LOTTA A DUE – Ad Adelboden è lotta vera. Condizioni meteo difficili, così come la neve, trattata prima con gli idranti, poi con il solfato. Un lavoro duro per gli organizzatori e un risultato più che soddisfacente, anche se il muro finale ha ceduto maggiormente rispetto alla parte alta. Kristoffersen è sembrato non accorgersene però e ha sciato con fluidità e continuità lungo tutto il tracciato della seconda manche, partendo per ventottesimo. Una vittoria pazzesca se consideriamo che Hirscher, secondo, non l’ha certo regalata e come sempre ha dato tutto. Al momento lo slalom è una lotta a due, anche se ci sono alcuni nomi (tra i quali mettiamo anche i migliori dei nostri) che potrebbero regalare ‘sorprese’ già dalle prossime gare.

Altre news

Roberta Melesi lancia un bel segnale: «Ho tirato fuori quello che sto costruendo»

Dietro a Marta Bassino e Federica Brignone (ieri nona con alcune sequenze buone e altre da rivedere) c'è qualcosa che si muove. Ed è una bellissima notizia per il gigante azzurro e più in generale per tutto il movimento....

Divertimento e spensieratezza le parole d’ordine di Marta Bassino

Prima di Soelden, gli addetti ai lavori che hanno avuto modo di seguire le atlete in pista, parlavano di due atlete in grande forma: la svedese Sara Hector (ieri terza) e l'azzurra Marta Bassino. Ma poi quel gigante sul...

Kilde apre le danze della velocità con un successo a Lake Louise

La prima discesa della stagione è nel segno di Aleksander Aamodt Kilde. A Lake Louise il maltempo concede una tregua: visibilità spesso piatta, a volte con il sole, ma pista bella compatta. Il norvegese, con il pettorale 6, primo...

Killington: Bassino seconda dietro solo a Gut-Behrami. Nona Brignone, Melesi ottima 11a, primi punti per Colturi

È di Lara Gut-Behrami il primo gigante della stagione. L'elvetica ha vinto la prova di Killington - con partenza abbassata per il vento - con soli 7/100 sull'azzurra Marta Bassino che centra subito il podio, il ventiduesimo della sua...