Malagò: «Italiani abituati a grandi risultati, concentrati su Pechino, Giochi importanti»

MILANO LIVE – «La Fisi è come se fosse un piccolo Coni, è un mondo a parte rispetto ad altre Federazioni». Al Fisi Opening di Milano ha partecipato anche il presidente del Coni Giovanni Malagò, che ha ripercorso anche la straordinaria estate dello sport italiano. «Dieci discipline olimpiche, quattro non olimpiche, ma da Milano-Cortina ce ne sarà una in più, lo sci alpinismo – racconta il numero uno dello sport italiano -. Mancano ormai quattro mesi alla cerimonia inaugurale di Pechino. Non è mai successo di avere due edizioni dei Giochi così ravvicinate e quelli cinesi saranno ancora più importanti perché al termine ci sarà il passaggio di consegna della bandiera, che arriverà in Italia. Avremo gli occhi addosso, ancora di più questa volta, perché ormai gli italiani si sono abituati bene». 

La preparazione in casa Fisi è andata bene, anche se le squadre non sono riuscite a volare in Sudamerica. E in chiave olimpica c’è una grande novità in casa Fisi perché per la prima volta verrà messo a disposizione un montepremi per i medagliati. «Un milione di euro a disposizione dei nostri atleti, è la prima volta e lo abbiamo deliberato nell’ultimo consiglio federale». Questo si andrà ad aggiungere al montepremi del Coni. 

Il presidente Fisi ha parlato anche dei protocolli in vista della stagione invernale. «Siamo partiti in anticipo convocando tutte le realtà del settore. Abbiamo condiviso un protocollo semplice, concentrandoci sul green pass. Dal governo è arrivato un riscontro positivo, si sono complimentati con tutto il comparto per questa iniziativa. È senza dubbio di buon auspicio». 

LEGGI ANCHE

LE ULTIME NOTIZIE