Magica Gulli: vince lo scudetto Giovani di slalom. E Peterlini va in squadra azzurra

Che stagione Anita Gulli: la portacolori del Comitato Alpi Occidentali griffata sci club Lancia Torino si mette al collo la medaglia d’oro nello slalom di Maranza valevole come Campionato Italiano Giovani. La piemontese, vive e studia a Torino città, classe ’98, da inizio anno fra le porte strette ha dimostrato davvero di essere in crescita costante. E come in gigante, le azzurrine rimangono a secco anche in slalom. Su sei medaglie assegnate infatti, solo Martina Perruchon della squadra nazionale sale sul podio tricolore Giovani ed oggi è d’argento. La Gulli, che risale dal terzo posto della prima manche (in testa c’era Miriam Gabloner dei carabinieri poi out), precede appunto la valdostana di 9 centesimi. Bronzo a 1.06 per Sara Dellantonio, finanziera trentina.

LA CLASSIFICA

Quarta a 1.20 l’azzurra Lara Della Mea, mentre quinta a 1.70 una 2000, l’altoatesina Celina Haller. Squadra C in sesta piazza con Vera Tschurtschenthaler, settimo posto per Petra Smaldore del Lecco – AC, ottava Giulia Demetz dell’Alto Adige, nono Francesca Fanti poliziotta del Comitato Trentino e a chiudere la top ten ecco Federica Imperiale, ASIVA – Courmayeur.

Anita Gulli e il Lancia
Anita Gulli e il Lancia

PAROLA A GULLI, MARTN E CROCE – Ed ecco Anita Gulli: «Quest’anno ho intensificato gli allenamenti con il Comitato AOC. Ho fatto tutto il circuito del Gran Premio Italia, a differenza dell’anno scorso dove invece ho disputato solo alcune gare. Sono cresciuta quest’inverno, sono arrivati già dei risultati importanti prima di questo titolo italiano che è davvero emozionante». Tocca al coach AOC Fabrizio Martin: «Una slalomista completa Anita, va forte in condizioni differenti. E’ tutto l’anno che è molto veloce. Ero convinto potesse fare bene anche agli Italiani. E’ arrivata una grande medaglia. Per lei, per il Comitato AOC, per il suo club». Esulta Giancarlo Croce, direttore tecnico del Lancia Torino: «Anita Gulli è la dimostrazione che con la volontà e l’impegno i risultati arrivano. E’ una ragazza normale, vive in citta dove studia anche. Riesce a fare bene entrambe le cose, e questa vittoria è un traguardo straordinario per tutto il movimento del Lancia».

Mirko Deflorian con Martina Peterlini e Sara Dellantonio
Mirko Deflorian con Martina Peterlini e Sara Dellantonio

MARTINA PETERLINI E’ AZZURRA – Lo slalom FIS di Maranza era valido come tappa finale del circuito Gran Premio Italia. Vince la classifica Martina Peterlini, polziotta che si allena con il Comitato Trentino di Mirko Deflorian. Martina era in testa dopo la gara odierna nella standing. E’ uscita nella prima manche, ma anche la poliziotta altoatesina Vivien Insam è deragliata. Così un finale da libro giallo per il GPI donne slalom: escono solo due nelle prime 15 e sono quelle in lotta per la squadra azzurra. E a conti fatti ecco Martina entrare in squadra nazionale.

Altre news

La Coppa Europa femminile arriva a Sarentino, finora fortino dell’Austria

La Coppa Europa questa settimana farà ritorno in Val Sarentino. Giovedì 29 febbraio e venerdì 1° marzo sulla pista Schöneben si svolgeranno due superG femminili. Dalla prima Coppa Europa in Val Sarentino, risalente alla stagione 2004/05, si sono tenuti...

Coppa Europa: Talacci è nono nel gigante di Pass Thurn vinto da Zwischenbrugger

Pass Thurn, località austriaca, è sede di recupero di due giganti maschili di Coppa Europa, in origine previsti in Slovenia, a Maribor. Nella gara odierna nona posizione per Simon Talacci. Il livignasco ha saputo risalire di una posizione nella...

Mowinckel saluta l’agonismo al termine della stagione

Sono le ultime gare della carriera per Ragnhild Mowinckel, che questa mattina ha annunciato l'ormai prossimo ritiro. Finirà la stagione, poi la trentunenne norvegese saluterà il mondo delle gare. Ha trascorso 14 anni nella squadra norvegese, 12 nel circuito...

Manuel Feller cala il poker: suo anche lo slalom di Palisades Tahoe. Sesto Vinatzer

Ancora Manuel Feller, quarto sigillo in stagione in slalom. Una vittoria, quella dell’austriaco a Palisades Tahoe, tutta in rimonta: terzo a metà gara mette pressione ai primi due con una manche delle sue di questi tempi: all'attacco, ma con...