Ma a cosa serve vincere il Gran Premio Italia Senior?

Squadre praticamente fatte, in via di definizione solo il progetto giovani che da quest’anno osserva oltre alle squadre C anche due team C2 (o chiamate Leve). Intanto un nodo sembra irrisolto, o meglio, urgono risposte su questioni ancora aperte. Una, importante, per il futuro di questo sport, è se serve ancora o meno il Gran Premio Italia Senior. Ad oggi solo chi primeggia in questo circuito ed è come anno di nascita nel primo biennio Senior può avere accesso alla squadra nazionale. Una scelta restrittiva, rigida, severa. 

BARU E PIETRO – Quest’anno si sono aggiudicati il circuito, una volta chiamato Coppa Italia, Stefano Baruffaldi (Fiamme Gialle) e Pietro Franceschetti (Sporting Campiglio) con i medesimi punti. Lasciamo stare che i due hanno migliorato i propri punteggi Fis, lasciamo stare che spesso hanno messo i bastoni fra le ruote a questi ragazzi per volare fuori dall’Europa (a proprie spese) per cimentarsi in Cina, Giappone e in altri angoli del pianeta, lasciamo stare che il livello nelle discipline tecniche in Italia non è certo di primissimo piano, ma servirebbe una considerazione maggiore per il GPI Senior al di là del nome dei due in questione. Il Gran premio Italia Senior è l’unico strumento per ritornare in gioco, per riprendere la strada verso l’alto livello. Va bene non inserire il vincitore in squadra nazionale (scelta discutibile, ma ci sta), ma almeno mettere nero su bianco il fatto di avere la certezza di essere considerati per la Coppa Europa per una fetta della stagione a seguire. Invece sembra tutto in balia dei se e dei ma. Staremo a vedere. Anche questi due Senior diranno addio all’agonismo? Ci auguriamo di no.

Altre news

Il progetto “Juniors to Champions” di Atomic è realtà anche in Italia

Il progetto Juniors to Champions di Atomic è realtà anche in Italia. Il più grande produttore di sci al mondo, che ha come obiettivo quello di accompagnare i giovani ed emergenti talenti che puntano ai grandi palcoscenici, vuole fornire...

Gruppo Rossignol ha radunato i suoi 45 istruttori nazionali

Il Gruppo Rossignol chiama a raccolta i “suoi” Istruttori nazionali per presentare il nuovo progetto di “brands promotions”. In occasione dell’aggiornamento ufficiale della Fisi a Cervia, Rossignol, lo scorso 24 maggio, ha anticipato il momento di formazione organizzando una...

Definite le squadre del Comitato Alto Adige

Linea di continuità, dopo i cambiamenti dello scorso anno nel Comitato Alto Adige. Christian Thoma continua a ricoprire il ruolo di responsabile della sezione sci alpino; in campo inoltre Christian Polig (VSS), Thomas Valentini (Grand Prix) e Thomas Rungg...

Gardena 2029, si decide il 4 giugno. Roda: «Grande lavoro condiviso da tutto il territorio»

Il 4 giugno in Islanda a Reykjavík alle ore 18 (20 italiane) la votazione al congresso FIS  per decidere l'assegnazione dei Mondiali di sci alpino del 2029. In prima linea la nostra Val Gardena che dovrà vedersela con la...