LIVE – Master Istruttori: ecco i guerrieri guidati da Monaci e Bastiani che passano la prova del gigante

LIVIGNO - In 36 accedono alla prova degli archi che si svolgerà lunedì

0
Pierfrancesco Monaci e Alice Bastiani @Gabriele Pezzaglia

Batterie come gironi infernali. Roba dantesca, roba dell’altro mondo. La neve come il fuoco. E i quadricipiti in fiamme, i fuori soglia costanti, l’ansia prima di affrontare le porte del gigante disegnato in Federia sui 3000 metri di Livigno. Una gara vera il gigante del Master Istruttori di sci alpino che è l’evento per antonomasia di fine stagione. Un gigante autentico che non fa sconti. Per l’adrenalina, per le aspettative, per il livello tecnico in campo. Ed è un campo di battaglia la Val Federia  il tracciato livignasco un campo minato: oggi è andata in scena una lotta fratricida, una guerra all’ultimo centesimo. E dal silenzio, dalla tensione, dall’angoscia di chi lo riprova anno dopo anno sperando finalmente in un’agognata promozione, spuntano 36 guerrieri (non 35 perchè c’è un ex-aequo in una batteria). Lunedì ci sarà la seconda prova, quella degli archi. Ma adesso non ci pensa nessuno. Oggi i 36 se la godono, oggi è…appunto il 25 aprile: festa di liberazione. In commissione, diretta da Giacomo Bisconti, ci somo Matteo Magnani, Carlo Traini, Luca Gheser, Katia Santus, Eugenio Marsaglia, Mattia Facchinelli, Michele Brivio, Maurilio Alessi.

Valeria Poncet e Clelia Bagnasacco esultano ©Gabtiele Pezzaglia
Sasha Masseroli si tuffa dal cancelletto di partenza ©Gabriele Pezzaglia
Damiano Petrucci memorizza il tracciato ©Gabriele Pezzaglia

GUERRIERI – Ma eccoli i guerrieri. La prima prova ha promosso pronti via Alice Bastiani (best time assoluto donne), Re e Poncet (seconda e terza assolute), Bagnasacco. Nella seconda manche dentro Cuadrado, Giromini, Mazzocco. Poi alla terza ecco Moraschinelli. Quindi una batteripremia De Marchi (terzo assoluto uomini), Rota, Soraru, Ottelli, Manfrini e Casagranda, i quinti con lo stesso tempo. Un’altra batteria esalta il migliore assoluto degli uomini, ossia Pierfrancesco Monaci. E poi Chiappa (secondo assoluto uomini), Grosso, Petrucci, Quaquarelli. E sempre in prima manche primeggiano Fontana e Dejori primi con il medesimo crono, Martini, Taller, Parola. La seconda frazione portava dentro altri tre ragazzi, sempre nelle tre batterie: e allora conquistano il pass per la prova degli archi Cotti Cottini, Vietti, Peraudo, Boldrini, Polverini, Verra, Marchetti, Ravelli e Di Ronco. Quindi l’ultima manche. Un’ultima spiaggia. Un ultimo appello, quello definitivo. Dentro Del maschio, Confortola, Anselmo.

GUARDA ALCUNI SCATTI SOTTO 

Timothy Bonapace, stretching in partenza @Gabriele Pezzaglia

Concentrazione, silenzio, trepidazione in partenza ©Gabriele Pezzaglia
Thomas Rossi si concentra prima di partire ©Gabriele Pezzaglia
Giacomo De Marchi aspetta il suo turno… ©Gabriele Pezzaglia