La vita negli indoor, dove una porta separa l’estate dall’inverno

PEER-LANDGRAAF – Fuori è estate, dentro fa freschino. Arrivi in maglietta, pantaloncini e magari pure in ciabatte e in un attimo sei vestito da sci da testa a piedi pronto per entrare in pista. Negli indoor c’è una semplice porta a dividere questo sottile confine. Ogni due ore (a volte qualcuno fa doppio turno consecutivo) si cambia; via un gruppo, dentro l’altro. Si tolgono pali, si rimettono pali, un ciclo continuo dall’alba al tramonto. Che non percepisci perché sotto quelle lamiere si scia con luce artificiale a ogni ora. Nei giorni scorsi tra Peer (Belgio) e Landgraaf (Olanda) – distanziati di 1 ora di macchina – si sono allenati i giovani delle squadre C, con le donne in pista solo in Olanda, gli uomini in entrambi i palazzetti. 

©Race ski magazine

Perché? Per trovare due condizioni diverse di neve. In Belgio infatti è ghiaccio estremo, è tutto più spartano ed è sempre più scelto anche dagli atleti di Coppa del Mondo. Questa settimana, nel parcheggio, c’erano mezzi di Svizzera, Germania, Svezia, Bulgaria… qualche giorno prima anche gli slalomisti di Simone Del Dio si sono allenati lì, così come il gruppo Coppa Europa maschile, che abbiamo incrociato mentre preparavano i bagagli per ritornare a casa.

©Race ski magazine

Nove-dieci-undici-dodici giri a turno. Chilometri e ripetizioni del gesto, quello che serve in slalom. Non ci saranno quali pendenze, non saranno tanto lunghi, ma di pali e di curve se ne macinano. In mezzo un cambio continuo di attrezzi, per avere sotto ai piedi coltelli sempre affilati. Gli skiman non staccano un attimo, trascorrono intere giornate a preparare sci, molti non hanno neppure il tempo di entrare in pista perché c’è sempre una lamina da riaffilare. Anche tre sci a turno hanno “fatto fuori” i ragazzi della C. Che per un service delle giovanili che cura anche 5 atleti, significa ri-preparare 15 sci per essere pronti al turno successivo. 

Insomma un tour de force per tutti, anche per gli atleti che girano come le trottole per due ore, poi escono e tornano in maglietta e pantaloncini, pranzano non importa a quale ora e si riposano per essere pronti a ritornare in pista. 

©Race ski magazine

Altre news

Gli atleti Atomic ospiti nel ‘salotto buono’ di Altenmarkt

Tradizionale appuntamento pre-season con l'Atomic Media Day: atleti presenti nella sede di Altenmarkt, centinaia di giornalisti collegati da mezzo mondo per seguire le loro chiacchierate con Alexandra Meissnitzer. C’è Alex Vinatzer che racconta i test estivi con il nuovo materiale,...

Parte la Coppa del Mondo, cosa c’è di nuovo a livello regolamentare?

Nuova stagione alla porte, qualcosa di nuovo a livello regolamentare? Dall’ultima riunione di Zurigo sono arrivate le conferme di quello che era già stato deciso in primavera. Poche novità in realtà, la sensazione è quella che sia un po’ un...

L’ernia del disco ferma Justin Murisier: operato

Non inizia nel migliore dei modi la stagione di Justin Murisier, costretto a fermarsi per in intervento chirurgico. A darne notizia sono stati in prima battuta i media elvetici, prima che lo stesso sciatore publicasse un post dal letto...

Respinto il ricorso in appello sulla candidabilità di Flavio Roda. Adesso si attende la decisione del Coni

Il ricorso in appello presentato da Alessandro Falez, Angelo Dalpez e Stefano Maldifassi in merito alla sentenza sulla candidatura di Flavio Roda è stato respinto dal tribunale federale, confermando dunque la candidabilità dell’attuale presidente. Adesso sarà il collegio di...