La vita negli indoor, dove una porta separa l’estate dall’inverno

PEER-LANDGRAAF – Fuori è estate, dentro fa freschino. Arrivi in maglietta, pantaloncini e magari pure in ciabatte e in un attimo sei vestito da sci da testa a piedi pronto per entrare in pista. Negli indoor c’è una semplice porta a dividere questo sottile confine. Ogni due ore (a volte qualcuno fa doppio turno consecutivo) si cambia; via un gruppo, dentro l’altro. Si tolgono pali, si rimettono pali, un ciclo continuo dall’alba al tramonto. Che non percepisci perché sotto quelle lamiere si scia con luce artificiale a ogni ora. Nei giorni scorsi tra Peer (Belgio) e Landgraaf (Olanda) – distanziati di 1 ora di macchina – si sono allenati i giovani delle squadre C, con le donne in pista solo in Olanda, gli uomini in entrambi i palazzetti. 

©Race ski magazine

Perché? Per trovare due condizioni diverse di neve. In Belgio infatti è ghiaccio estremo, è tutto più spartano ed è sempre più scelto anche dagli atleti di Coppa del Mondo. Questa settimana, nel parcheggio, c’erano mezzi di Svizzera, Germania, Svezia, Bulgaria… qualche giorno prima anche gli slalomisti di Simone Del Dio si sono allenati lì, così come il gruppo Coppa Europa maschile, che abbiamo incrociato mentre preparavano i bagagli per ritornare a casa.

©Race ski magazine

Nove-dieci-undici-dodici giri a turno. Chilometri e ripetizioni del gesto, quello che serve in slalom. Non ci saranno quali pendenze, non saranno tanto lunghi, ma di pali e di curve se ne macinano. In mezzo un cambio continuo di attrezzi, per avere sotto ai piedi coltelli sempre affilati. Gli skiman non staccano un attimo, trascorrono intere giornate a preparare sci, molti non hanno neppure il tempo di entrare in pista perché c’è sempre una lamina da riaffilare. Anche tre sci a turno hanno “fatto fuori” i ragazzi della C. Che per un service delle giovanili che cura anche 5 atleti, significa ri-preparare 15 sci per essere pronti al turno successivo. 

Insomma un tour de force per tutti, anche per gli atleti che girano come le trottole per due ore, poi escono e tornano in maglietta e pantaloncini, pranzano non importa a quale ora e si riposano per essere pronti a ritornare in pista. 

©Race ski magazine

Altre news

Hintertux, si torna a tracciare dopo la nevicata

Circa una trentina i centimetri caduti sul ghiacciaio di Hintertux, Austria. Dal Tirolo sentiamo allora Alessio Albini che con Snow World Solution si occupa dei pacchetto soggiorno + sci per squadre e club: «Un po' di neve ha permesso di...

Corralco, nelle discese SAC Cason 4° e Resinelli 9°

Dopo la tappa argentina di Cerro Castor, la South American Cup (SAC) si trasferisce sulle nevi cilene di Corralco. E in programma intanto ecco due discese. Nella prima Luca Resinelli, Reit Ski Team Bormio AC, chiude al 9° posto a...

Michael Matt in pista con Blizzard-Tecnica

Michael Matt gareggerà con sci e scarponi Blizzard – Tecnica. Questo nuovo connubio sarà battezzato con un esordio sulle nevi di casa: il primo slalom di stagione infatti è in programma il 18 novembre a Gurgl. I tifosi di...

Graduatorie: Esercito primo in Italia, Carabinieri e Gardena svettano nello sci alpino

Ufficializzate le graduatorie della stagione 2022/2023. La classifica generale è stata vinta dal Centro sportivo Esercito, con un totale di 9.939.192 punti, davanti al Cs Carabinieri (8.443.489) e alle Fiamme Gialle (7.343.043). Quarto posto per le Fiamme Oro (5.935.548),...