La stagione del gigante femminile parte da Killington

Dopo la cancellazione di Sölden, la stagione di Coppa del Mondo del gigante femminile parte da Killington. Molte nazionali già da tempo in Nord America, la maggioranza a Copper Mountain, comprese le azzurre. E allora occhi puntati su Federica Brignone (vincitrice nel 2018) e Marta Bassino (prima nel 2019 davanti a Brignone) le due azzurre nelle prime sette del ranking in compagnia di Sara Hector, Tessa Worley, Petra Vlhova, Mikaela Shiffrin e Ragnhild Mowinckel.
«L’allenamento a Copper – spiega la valdostana – è stato utile, anche se tosto, visti i 3000 metri d’altitudine. Faceva molto freddo, ho preso un raffreddore che comunque non mi ha impedito comunque di sciare tutti i giorni; ancora adesso non me ne sono liberata del tutto. Affronto il gigante con spensieratezza, da questo fine settimana non ci fermeremo praticamente più fino alla fine della coppa, sono le condizioni che più mi stimolano e divertono».
«La pista di Killington mi piace molto – le parole della cuneese – ho bellissimi ricordi di questo tracciato, dove ho ottenuto la mia prima vittoria, ci sono punti tecnici dove è possibile fare la differenza. Arrivo da una bella preparazione estiva e anche sulla neve fra Ushuaia e Copper abbiamo effettuato un bel lavoro. Sfrutterò ogni occasione per tirare fuori il meglio, cominciare bene la stagione sarebbe un ottimo punto di partenza per prendere fiducia». Nella squadra azzurra anche Karoline Pichler e Roberta Melesi.
La prima manche è prevista alle 16 ora italiana, la seconda alle 19 con diretta televisiva su Raisport ed Eurosport.

Altre news

Goggia senza limiti: «Volevo la doppietta, ci sono riuscita»

Non bastava vincere. Sofia Goggia vuole la perfezione. Lo aveva promesso ed eccola oggi ancora in trionfo sulla Men's Olymouc - East Summit di Lake Louise. «Si può fare meglio», diceva ieri. Eccola, aveva ragione. Domina ancora in Canada...

Missile Goggia colpisce sempre: doppio trionfo a Lake Louise

Che andare. Diciannove vittorie in Coppa del Mondo (14 in discesa) e oggi doppietta stagionale sulla Men's Olympic /East Summit di Lake Louise (5 vittorie sul pendio canadese). Sofia Goggia fa paura. Non viene fermata dal vento che soffia...

E’ Kilde l’uccello predatore: battuto ancora Odermatt. Marsaglia 16°

Birds of Prey, nome della pista di Coppa del Mondo di Beaver Creek, significa uccelli da preda. Ed è il norvegese Aleksander Aamodt Kilde l'uccello predatore sulle nevi del Colorado., che porta a quindici i successi nella massima serie...

Gardena, semaforo verde per la 55a Coppa del Mondo

La Coppa del mondo di sci sulla Saslong si aprirà, come da tradizione, venerdì 16 dicembre con il superG. Sabato 17 dicembre, invece, si svolgerà la classica discesa, che sarà la 100a gara di Coppa del mondo in Val...