La Fisu in visita ai siti piemontesi delle Universiadi 2025

La FISU va alla scoperta di Torino 2025. È cominciata ufficialmente la visita della delegazione internazionale del massimo organo sportivo universitario internazionale ai luoghi che ospiteranno tra meno di tre anni i XXXII Giochi Mondiali Universitari invernali, come viene ora conosciuta la rassegna creata nel 1959 da Primo Nebiolo col nome di Universiade. I delegati della FISU hanno cominciato i loro sopralluoghi partendo dal PalaTazzoli di Torino, che sarà sede di tutti gli incontri di curling e di una parte dei tornei maschile e femminile di hockey su ghiaccio.

Poi visita agli altri due impianti torinesi, il Palavela (short track e pattinaggio di figura) e il Pala Alpitour (Cerimonia d’apertura). Bardonecchia ospiterà le gare di sci alpino, snowboard e freestyle, Pragelato le competizioni di sci di fondo e biathlon, mentre diverse partite di hockey si disputeranno nei palazzetti di Torre Pellice e Pinerolo.

Torino 2025 è un appuntamento che coinvolgerà il territorio e tutto il Piemonte sarà protagonista. Non a caso, il claim ufficiale di Torino 2025 è Piemonte land of sport per ribadire il legame indissolubile tra sport e territorio, come sottolinea l’assessore allo sport regionale Fabrizio Ricca, che ricopre anche il ruolo di presidente del Comitato d’onore dei Giochi: «Il Piemonte crede fortemente nello sport universitario come motore di crescita dei territori e non è un caso che abbia deciso di investire tante energie per aggiudicarsi le Universiadi del 2025. La strada che ci separa da questo grande evento è lastricata di competizioni internazionali figlie anche del fatto che il Piemonte sia stato nominato Regione Europea dello Sport da Aces Europe. Stiamo assistendo a un vero e proprio rinascimento sportivo locale».

Altre news

Zermatt chiude alle Nazionali, ma a rimetterci veramente solo gli svizzeri

Ci avete tolto la Coppa del Mondo, bene non daremo la possibilità di allenarvi in ghiacciaio. Questa in estrema sintesi la decisione del direttivo della Zermatt Bergbahnen. Nella prossima estate solo le squadre di sci d’élite, insomma le Nazionali,...

Calendari di Coppa del Mondo, a che punto siamo?

Sui calendari di Coppa del Mondo tanto si è detto in queste ultime stagioni. Dalle lettere aperte degli atleti, sino alla recente proposta (Change the Course) della federazione norvegese di dividere la stagioni in blocchi geografici, spostando l’avvio della...

Race Future Club, Scolari ai club: «Osserviamo anche gli altri, la scuola italiana non è sempre sinonimo di perfezione»

Si è chiusa a Cortina d'Ampezzo la terza edizione di Race Future Club, l'iniziativa di Race Ski Magazine che premia i migliori Children italiani quest'anno in collaborazione con Fondazione Cortina. Questa volta da 20 atleti il passaggio a 24,...

Race Future Club, Longo ai ragazzi: «Conta vincere, ma siate sempre umili per continuare a crescere»

«Ci tenevamo tanto a ricordare Elena Fanchini e così abbiamo deciso di dedicarle i nostri uffici ed una sala in particolare. Siamo orgogliosi di questo», fa sapere Stefano Longo, presidente di Fondazione Cortina e vice presidente vicario Fisi, mentre...