La schiena sta meglio, dopo due anni potrebbe tornare in Sudamerica

Una settimana a Gais, se si esclude la visita domani a Predazzo nella caserma della Guardia di Finanza, per Christof Innerhofer. Una settimana da dedicare interamente al lavoro atletico per il due volte medagliato a Sochi che afferma: «Ho sciato tanto in primavera e sono in leggerissimo ritardo con il lavoro a’ secco’. Mi devo ancora concentrare sulla forza-resistenza. Ma tutto al momento fila via liscio senza particolari problemi».

VOGLIA DI USHUAIA – Innerhofer ha terminato qualche giorno fa il raduno allo Stelvio dedicato allo slalom insieme al ‘dream team’: «La schiena va meglio. Un giorno avvertivo ancora dolore ma vedo con piacere che l’anno scorso e due anni fa in questo periodo ero messo decisamente peggio. Oggigiorno posso dire che se sto così e le cose non peggiorano potrò volare a settembre in Argentina. Sono due anni che non vado in Sudamerica. La partenza per Ushuaia è fissata il 7 settembre». Un Inner entusiasta e carico, che lavori a parte, si sta dedicando sempre a sponsor ed eventi. «Ho fatto fotoshooting per Gazzetta e Armani. Prossimamente riceverò il Premio Fair Play e in programma avrò anche altri impegni». L’estate ‘a tutta’ di Inner insomma prosegue…

GUARDA LA FOTOGALLERY