E sulla prossima stagione: «Con i 500 punti posso essere a Soelden»

Ancora due giorni a Monaco per Christof Innerhofer. Il due volte medagliato a Sochi 2014 e iridato a Garmisch 2011 continua il suo rapporto con Martin Auracher.

A MONACO DA AURACHER – Il fuoriclasse di Gais raggiunge spesso la Baviera per tenere sotto controllo la sua schiena malandata: «Per il momento due giorni ogni quindici, lo scorso inverno addirittura una volta alla settimana. La fisioterapia ormai è uno degli allenamenti principali per me, mi serve troppo. Certo, oltre ai trattamenti, con Martin proseguo per certi versi il lavoro impostato e concordato con Tommaso Frilli, l’uomo in squadra azzurra che mi segue e di cui comunque mi fido per il discorso atletico. E poi ho altri due ‘angeli custodi’ per la mia salute, Federico Tieghi e a casa Leitner Hanspeter», fa sapere Innerhofer.

ALLO STELVIO CON UN PENSIERO A SOELDEN – Intanto da domani, dopo la sua ‘festa estiva’ a Speikboden con il Fan Club, direzione Passo Stelvio dove scierà quattro giorni con i gigantisti. Continua Inner: «Ci tengo al gigante, e come anche Peter Fill ho superato 500 punti in Coppa del Mondo. E’ probabile, se in forma, essere al via a Soelden».