Il progetto di Lorenzi per la squadra femminile di slalom

La novità più importante del settore femminile è il completo rinnovamento della squadra di slalom. Alla guida adesso c’è Roberto Lorenzi.
«Una nuova sfida per me – spiega il Doc – magari qualcuno penserà che sia una scommessa, ma sono convinto di questo progetto, soprattutto perché le prime indicazioni sono davvero incoraggianti. Ho avuto quasi carta bianca nello scegliere i componenti dello staff: dall’esterno si poteva pensare che fosse una sorta di tabù, invece ho trovato persone entusiaste, che hanno scelto questa squadra anche se avevano altre opportunità. Sono proprio contento di come sta partendo».

Ci sarà da lavorare parecchio.
«C’è sempre da lavorare parecchio dappertutto… L’idea della federazione è quella di un progetto a lungo termine, si è parlato di quattro anni e spero che sia così. Cercheremo di riaprire un ciclo, non dico con calma, ma non con frenesia…».

Qual è la tua idea?
«Principalmente quella di creare un gruppo, senza puntare su una singola individualità. Quando si resta impantanati, se rimani attaccato ai risultati di un solo atleta rischi di veder vanificato il lavoro di squadra, invece penso sia fondamentale mettere in scia di un singolo tutto il gruppo, solo così si arriva ad una crescita comune. Ripeto, è un progetto a lungo termine: abbiamo quattro posti in Coppa del Mondo, ma l’obiettivo è quello di far migliorare tutte le atlete in squadra. Si parte dalla Coppa Europa, per alcune ci sarà spazio in Coppa del Mondo, ma tutte devono fare step intermedi, tutte devono fare punti, partire meglio nelle start list»

Insomma parola d’ordine, umiltà?
«Direi proprio di sì, testa bassa e ripartire. Se ti senti arrivato da un piazzamento, non vai da nessuna parte».

Ti sei confrontato con i tecnici che ti hanno preceduto?
«Certamente, sia con Devid (Salvadori) che con Matteo (Guadagnini): li ho ascoltati, abbiamo parlato di tutto, soprattutto con Matteo, visto che siamo amici da anni, poi ho preso la mia linea».

Ovviamente anche con le ragazze?
«Arrivano da una stagione non facile, con più delusioni che soddisfazioni. Vogliamo ripartire con entusiasmo, fiducia reciproca, voglia di fare gruppo».

Come ha programmato allora la prossima estate?
«Quando sei in una squadra che conosci da anni, la ripartenza a giugno è quasi una routine, questa volta no. È un progetto nuovo, partiamo subito tutti insieme, senza cambiamenti a metà stagione. Sarà importante iniziare bene, creando prima possibile l’ambiente migliore. Per questo faremo già due raduni a giugno sulla neve a Les Deux Alpes, dove sarà fondamentale conoscersi, impostare il lavoro anche se non ci saranno le condizioni di gara. E poi faremo insieme anche la preparazione atletica, compresa la trasferta a Formia. Questo per arrivare rodati quando partiremo per l’Argentina. Lì potremo fare qualità, spingere, ma saremo già un gruppo amalgamato e che in quei venti giorni potrà trovare ancora un feeling maggiore. Poi certo, nelle prime gare un po’ ci divideremo, ma lo spirito di gruppo dovrà essere sempre lo stesso».

 

Altre news

Sopralluogo della Fis a Sestriere

Sopralluogo estivo della Fis a Sestriere. Sono state due giornate di lavoro intense: sono stati esaminati nel dettaglio i vari aspetti organizzativi per arrivare preparati alle giornate di gare. Mancano poco più di cinque mesi all’appuntamento con la Coppa...

Val Gardena: via alla vendita dei biglietti

Via alla vendita dei biglietti per le gare di Coppa del Mondo della Val Gardena, che tornano come da tradizione a metà dicembre. Appuntamento per venerdì 16 e sabato 17 con superG e discesa del circuito maschile. Gli appassionati di...

Elezioni: il 23 luglio tocca a Liguria, Trentino e Alto Adige. Il 30 rinnovo per l’Asiva

Il quadriennio olimpico è finito, ma a differenza del passato cambiano le tempistiche per il rinnovo delle cariche. Le elezioni Fisi si svolgeranno in autunno, prima è tempo di tornata elettorale per comitati provinciali e regionali.  I primi ad andare...

Ambra Pomarè: «La nazionale, un sogno inaspettato»

Fra i nuovi innesti nella formazione azzurra giovanile guidata da Massimiliano Toniut e Gianluca Grigoletto c'è Ambra Pomarè. La 2004 di Cortina d'Ampezzo ha portato a termine una stagione davvero positiva. La veneta infatti si è aggiudicata il Gran Premio Italia...