I carabinieri dicono basta a Paini

I carabinieri hanno fermato Federico Paini: hanno deciso di non tenerlo più in gruppo sportivo e così fine delle trasmissioni. Cosa paradossale a stagione in corso, ma così è. L’unica possibilità per il velocista valdostano era congedarsi e continuare a gareggiare sotto i colori di uno sci club, ma così non è stato. Eccolo Paini: «Mi avevano avvisato della possibilità di uno stop già ad aprile e son stato in forse fino a novembre. Poi mi hanno dato il via libera, quindi non me lo aspettavo di dover abbandonare l’agonismo a metà stagione. È un peccato, perche a Saalbach in Coppa Europa sarei partito nei 15 in superG e comunque nei 30 in discesa. Stavo iniziando di nuovo ad avere buone sensazioni e a fare buoni parziali. Nel primo superG di Zinal, scesi i trenta ero 5º, ma poi è andata via la nebbia e sono finito 16º. Speravo di avere ancora qualche occasione questa stagione, ma purtroppo è arrivato lo stop subito dopo la tappa di Tarvisio. Mi dispiace molto…Sicuramente non posso rimpiangere di non averci provato e dato conseguentemente il tutto per tutto. Son sempre stato un lavoratore ed ho sempre dato il massimo in tutto quello che ho fatto, dal lavoro a secco ai dettagli in skiroom».

E adesso? Continua Federico: «Per il resto della stagione mi troverò ancora in pista, ho la possibilità di fare esperienza ma dall’altra parte della scrivania. Ho già iniziato a dare una mano ai Carabinieri nell’ultima tappa del GPI a Tarvisio. Per le rimanenti gare di Coppa Europa farò lo skiman a Federico Simoni e Mattia Cason e cercherò di essere utile alla causa del gruppo sportivo. Essendo anche loro fuori squadra ma comunque ad un buon livello, un aiuto può solo che fare bene…».

LEGGI ANCHE

LE ULTIME NOTIZIE