Hirscher incendia il Kuonisbergli: sbaglia e trionfa! Grande quarto De Aliprandini. Settimo Moelgg, poi Tonetti

Marcel Hirscher, sempre e solo lui. Il fuoriclasse austriaco doma il leggendario Kuonisbergli di Adelboden, il pendio svizzero che ospita il quarto gigante della stagione di Coppa del Mondo 2018. E’ una macchina, è un robot davvero il salisburghese di Annaberg. E’ leggenda. Ed è la vittoria numero 51 in Coppa del Mondo, meglio anche di un’altra leggenda, Alberto Tomba (Hermann Maier è a quota 54), e in gigante invece è la numero 25. Oggi sul mitico Kuonisbergli, un’infinità di onde e dossi che si susseguono a ripetizione e fanno infiammare dal dolore i quadricipiti dei poveri gigantisti, Hirscher si supera un’altra volta: nonostante un errore di linea grossolano che lo fa quasi piantare su una gibbosità, riesce a rimettersi in careggiata e mantenere 17 centesimi di vantaggio dal mingherlino vikingo Henrik Kristoffersen.

Marcel Hirscher in azione ad Adelboden ©Agence Zoom

PODIO REGALE – Il norvegese non può far altro che alzare le braccia e sorridere: Hirscher è imbattibile senza se e senza ma. Da applausi anche il francese Alexis Pinturault: risale dalla quinta piazza fino al podio, protagonista di una manche al fulmicotone e termina a 21 centesimi. E allora podio regale con Hirscher, Kristoffersen e il transalpino appunto: ci sta, il catino festante di Adelboden merita un podio glorioso e con nomi illustri che primeggiano. Adelboden è una grande classica, è la prima grande classica di gennaio.

Henrik Kristoffersen a tutta ©Agence Zoom

DE ALIPRANDINI QUARTO – In questo unico scenario Luca De Aliprandini fa paura e mette in scena una sinfonia: chiude quarto e stacca il suo miglior risultato in Coppa del Mondo. Era quarto dopo la prima, rimane quarto il trentino. Collega le curve, sa fare velocità, è incisivo, efficace, brillante. Peccato solo che infarcisce sempre le sue battaglie, perchè le sue non sono manche ma battaglie, e non riesce a concretizzare questa eccellente sciata moderna che lo sta catapultando con forza e velocità nell’olimpo delle porte larghe. Manca Garmisch e poi il gigante olimpico coreano: «Finfer» è da podio. Ci crediamo, anche se oggi il distacco non è minimo: 1.14.

Luca De Aliprandini, ottimo quarto oggi ©Agence Zoom

MOELGG SETTIMO E TONETTI OTTAVO: L’ITALIA C’E’ – Al quinto posto con lo stesso tempo l’austriaco Manuel Feller e lo sloveno Zan Kranjec. E poi? Ecco l’Italia di Max Carca e Stefano Costazza: settimo Manfred Moelgg e ottavo Riccardo Tonetti, rispettivamente a 1.20 e 1.35. Azzurri da appalusi: sugli alpeggi gelati bernesi riescono finalmente a sciare con i giusti tempismi e la prestazione corale del gruppo, tre negli otto, è davvero postiva. Certo, manca il podio ancora, ma i passi fatti in avanti sono considerevoli. E pensare che Moelgg ha buttato via un’eternità sul muro nella prima manche.

Riccardo Tonetti all’attacco sulle nevi bernesi ©Agence Zoom
Manfred Moelgg sul Kuonisbergli ©Agence Zoom

GUARDA LA CLASSIFICA DEL GS DI ADELBODEN 

A chiudere la top ten poi ci sono il francese Mathieu Faivre e il norvegese Leif Haugen Nestolv che era addirittura terzo dopo la prima frazione. Florian Eisath termina diciassettesimo. Nella prima manche non si erano qualificati l’esordiente portacolori delle Fiamme Gialle Alex Hofer e Giovanni Borsotti. Deragliati invece Roberto Nani e Simon Maurberger. Domani tocca allo slalom sul Kuonisbergli.

Altre news

Scatta il 3° Race Future Club in collaborazione con Fisi e Fondazione Cortina

Scatta a Cortina d'Ampezzo il Race Future Club atto numero 3. Stiamo parlando dell'iniziativa di Race Ski Magazine riservata ai migliori 14 Allieve/i e 10 Ragazze/i scaturiti dai risultati di Top 50, Alpe Cimbra, Campionati Italiani di categoria e...

A Les 2 Alpes il primo Summer Ski Camp con Lara Colturi

Lara Colturi e il suo primo Summer Ski Camp, una opportunità di allenamento per i giovani sciatori. Il camp è rivolto a ragazze e ragazzi dai tredici ai sedici anni (anno di nascita dal 2008 al 2011), e proposto in...

Ecco i 18 nuovi istruttori nazionali. C’è anche Nadia Fanchini

A Livigno, dopo 25 giorni di corso totali e in seguito ad un anno dall'esame di selezione, si sono svolti gli esami finali per i nuovi pretendenti istruttori nazionali di sci alpino. Sono 18 e fra questi c'è anche...

Gardena, successo per il Fis Speed Camp

Successo per il secondo Speed Camp in Val Gardena organizzato nella ski area Plan De Gralba sulla pista Piz Sella dal Saslong Classic Club, la realtà presieduta da Rainer Senoner che organizza la Coppa del Mondo maschile di velocità...