Golden Team Ceccarelli, missione eccellenza

Innovazione ed evoluzione partendo dal trascorso agonistico di Daniela Ceccarelli. Il Golden Team, creato dall’oro olimpico di Salt Lake City, compie quattro anni e si presenta al via della nuova stagione con l’hashtag #backtothefuture e cinquanta agonisti. Un messaggio chiaro che guarda al futuro e dei propri atleti a 360 gradi. Una realtà di servizi e competenze a tutto tondo e non solo uno sci club. Un progetto che Daniela Ceccarelli meditava da anni: una rivisitazione dell’Accademia Bollettieri e dei College sportivi in USA, con maggiori attenzioni anche a tutti gli aspetti che influiscono sulla prestazione e quindi ai fattori psicologico, scolastico e a quello legato alla funzionalità e al benessere fisico. Il Golden Team lavora nell’ottica di modernizzare il modello di preparazione e gestione dei suoi atleti, abituandoli da subito a una percezione realistica dell’impegno, della sfida e del risultato, insegnandogli a diventare attenti e pronti a ogni tipo di mutamento. Al Golden Team Ceccarelli si parla di sci e agonismo tutto l’anno, gare e allenamenti in inverno, ma training anche a Les 2 Alpes, con un centro sempre aperto. «Inoltre ci sono le trasferte autunnali anche in Nord America – raccontano -, ospiti di centri federali e ski college, come a Nakiska e Copper Mountain. Sono momenti fondamentali per la preparazione, capaci di offrire anche nuovi stimoli e far vivere esperienze uniche ai ragazzi che partecipano».

Una realtà di eccellenza che lega rapporti con realtà importanti e di… eccellenza. Sinergia con il JMedical, il centro medico all’avanguardia che ha come partner la Juventus, oppure con il professor Giuseppe Vercelli, psicologo dello sport e conosciuto per il suo metodo SFERA. I dettagli sportivi per arrivare al successo, con la parte scolastica che però non deve ostacolare: nulla viene lasciato al caso. E allora nuova collaborazione anche lo Ski College Frejus di Bardonecchia per ottimizzare i due impegni al fine di raggiungere grandi risultati in entrambi i settori. Sotto il profilo agonistico, Charlotte Audibert è approdata in Comitato, dietro tanti altri atleti sono pronti a crescere. Già in evidenza Giulia Scarabosio, Giada Pizzorno, Cecilia Canestro, Marco Leone, Lara Colturi e Ginevra Trevisan, tutti sciatori che hanno l’agonismo nel DNA e che vogliono arrivare là, dov’è arrivata Daniela Ceccarelli.

Articolo tratto da Race ski magazine 147 di dicembre 2017. Se vuoi acquistare la copia o abbonarti visita il nostro sito.

Altre news

Parte la Coppa del Mondo, cosa c’è di nuovo a livello regolamentare?

Nuova stagione alla porte, qualcosa di nuovo a livello regolamentare? Dall’ultima riunione di Zurigo sono arrivate le conferme di quello che era già stato deciso in primavera. Poche novità in realtà, la sensazione è quella che sia un po’ un...

L’ernia del disco ferma Justin Murisier: operato

Non inizia nel migliore dei modi la stagione di Justin Murisier, costretto a fermarsi per in intervento chirurgico. A darne notizia sono stati in prima battuta i media elvetici, prima che lo stesso sciatore publicasse un post dal letto...

Respinto il ricorso in appello sulla candidabilità di Flavio Roda. Adesso si attende la decisione del Coni

Il ricorso in appello presentato da Alessandro Falez, Angelo Dalpez e Stefano Maldifassi in merito alla sentenza sulla candidatura di Flavio Roda è stato respinto dal tribunale federale, confermando dunque la candidabilità dell’attuale presidente. Adesso sarà il collegio di...

Gianluca Rulfi: «Punto a una maggiore continuità»

Gianluca Rulfi è stato premiato (insieme a Sofia Goggia) nella sua Frabosa con la (seconda) Castagna d’oro; occasione dunque per fare con lui un bilancio sulla trasferta argentina e fare un po’ il punto sulla stagione alle porte. «Ad Ushuaia...