Forte crescita per Rossignol Group con particolare attenzione alla sostenibilità

Dopo una stagione invernale 2020-21 difficile, Rossignol Group registra una forte ripresa per l’inverno 2022, con una crescita del 28% dell’attività in tutto il suo portafoglio di marchi. 
Il gruppo francese, che festeggia quest’anno i 115 anni, punta a consolidare la crescita e ad accelerare la sua trasformazione con ulteriori obiettivi di sviluppo sostenibile che riguardano il design eco-consapevole, il ciclo di vita del prodotto e le soluzioni di riciclo dei materiali. Rossignol lancerà il primo sci altamente riciclabile nell’autunno 2022 con l’obiettivo di sviluppare un terzo delle sue gamme di sci attraverso questo approccio di eco-design entro il 2028.

© Bjorgenson

Con un solido rimbalzo nel 2022, Rossignol prevede una stagione 2022-23 con forti prospettive di crescita
Dopo l’inverno 2020-21, senza precedenti, in cui gli impianti di risalita sono stati chiusi in tutta la Francia e nella maggior parte dell’Europa, Rossignol Group nel 2022 ha approfittato della forte ripresa del mercato e della domanda sostenuta dei consumatori per i prodotti outdoor. Il gruppo registra una crescita su tutti i mercati e canali di distribuzione (+24% in Nord America, +30% in Europa e +15% in Asia) con un forte aumento nelle attrezzature per sport invernali (+29%). Nonostante il contesto geopolitico incerto e la congiuntura economica influenzata dall’aumento dell’inflazione, la stagione 2022-23 promette di essere saldamente positiva, continuando il trend dell’inverno 2022. La crescita è stata supportata anche dagli incredibili risultati a Pechino, con un totale di 77 podi e 25 vittorie, evidenziando l’impegno del gruppo nell’innovazione e il DNA racing.

Vincent Wauters, CEO di Rossignol Group

Accelerare la trasformazione
Grazie alla congiuntura positiva, Rossignol Group punta ad accelerare la trasformazione del suo modello di business che interesserà il mercato degli sport invernali e dell’outdoor. L’approccio del gruppo comprende ora tutte e quattro le stagioni con un focus sugli appassionati di outdoor e lo stile di vita alpino 365 giorni all’anno. Valorizzando l’heritage dei famosi marchi di sport di montagna e lifestyle in portafoglio, Rossignol Group sta diversificando la sua offerta per garantire esperienze multistagionali e multiattività ai consumatori finali di tutto il mondo.
Il marchio Rossignol si identifica con lo stile di vita e lo spirito della montagna e ha fatto registrare una forte crescita anche nelle sue gamme di abbigliamento e calzature per il 2021-22 (+40%). Le categorie abbigliamento e calzature rappresentano attualmente il 22% del fatturato annuo globale (40% in Francia).
A imprimere una spinta importante nella direzione della destagionalizzazione è il recente lancio della collezione di mountain bike Rossignol all’inizio di questo mese e il roll-out estivo del concept outdoor Escaper, nato con lo scialpinismo.
«Siamo felici di essere usciti da questo periodo difficile e di sapere che la nostra strategia sta funzionando. È un premio per i team che si impegnano ogni giorno per far evolvere il Gruppo verso un mondo più sostenibile. In quest’ottica, e per dare più senso alle nostre azioni future e guidare lo sviluppo delle attività, abbiamo definito la maison d’être di Rossignol Group: Carve movements of sustainability and human potential (scolpire movimenti di sostenibilità e potenziale umano). Le sfide sono importanti: stiamo lavorando per avviare questi movimenti e lanceremo iniziative ambientali e sociali», afferma Vincent Wauters, CEO di Rossignol Group.
Nel 2020 Rossignol Group ha annunciato il programma RESPECT, un’iniziativa CSR di vasta portata, con l’obiettivo di ridurre la sua impronta ambientale del 30% entro il 2030 e i rifiuti industriali del 40% entro il 2025. Sotto la guida di Vincent Wauters, CEO dal febbraio 2021, il gruppo punta a rafforzare gli impegni ambientali e sociali e a porli al centro delle principali direzioni strategiche future.

Sviluppo sostenibile: filiere accorciate, eco-design e migliore riciclabilità

Il primo sci prodotto in Francia ad alto potenziale di riciclabilità
L’obiettivo per il futuro è la realizzazione di prodotti più facili da disassemblare e riciclare.
A sottolineare questa decisione è il nuovissimo sci Rossignol Essential. Disponibile in quantità limitate in Francia a partire dall’ottobre 2022, è stato sviluppato utilizzando materie prime semplici da trattare e nel minor numero possibile: l’eco-design ha riguardato il 62% dei materiali, che sono riciclati, di origine biologica e certificata, garantendo che più del 75% dello sci sia riciclabile. Si tratta di un risparmio in termini ambientali che è circa dieci volte superiore rispetto al design di uno sci tradizionale.

Nuove soluzioni di riciclabilità
Per superare la difficoltà nel riciclo degli sci, il gruppo ha stretto una partnership esclusiva con MTB. Leader nel settore, MTB ha sviluppato un nuovo processo che permette di migliorare il recupero e riutilizzo dei materiali degli sci moderni convenzionali, ma anche e soprattutto del nuovo Essential di Rossignol. Lo sci Essential è stato progettato in sinergia con questo processo. Le operazioni di distruzione, separazione e recupero dei materiali sono pensate per riutilizzare la maggior parte delle componenti e contribuire a un’economia circolare. I materiali potrebbero essere riutilizzati nell’industria automobilistica, del giardino o dell’edilizia, e in futuro parzialmente anche per nuovi prodotti del Rossignol Group. Progettato da MTB, il Recycling Box è un innovativo strumento per il riciclo di sci, scarponi e bastoncini che sarà operativo nel 2023.
Il sito industriale di Sallanches, vicino a Chamonix, ai piedi del Monte Bianco, avrà un ruolo centrale nel nuovo approccio green. L’obiettivo è di trasformare Sallanches nella prima fabbrica di sci riciclabili al mondo e in un importante centro di riparazione, con l’obiettivo di prolungare la durata di vita dei suoi prodotti. Grazie un’attenzione continua al concetto di filiera corta, il sito ospiterà un ciclo completo di produzione, riparazione e riciclo.
A livello globale, Rossignol Group si distingue per un modello di filiera corta unico sul mercato, attraverso una produzione e una logistica modernizzate e centralizzate in Francia, Spagna e Italia, in prossimità dei principali comprensori europei di sport di montagna. Ogni fabbrica è certificata ISO 14001 e funziona con energia verde rinnovabile (compresa quella di Sallanches dal gennaio 2023).
Rossignol Group prevede di produrre un terzo delle sue gamme di sci con un approccio sostenibile e di economia circolare entro il 2028 (aumento dei materiali riciclati, percentuale di riciclabilità più elevata, impatto del ciclo di vita). Questo principio di semplicità e riciclabilità sarà applicato alle altre categorie di prodotti del gruppo, tra cui gli scarponi da sci, i bastoncini e l’abbigliamento.
La volontà del Gruppo è che anche altri operatori del mercato possano trarre vantaggio e accedere alle soluzioni tecniche di riciclo sviluppate dai suoi team e continuerà a cercare sinergie con altri potenziali partner in tutte le fasi del ciclo di vita del prodotto.

Jean Philippe Fusier, presidente MTB Recycling, e Vincent Wauters, Presidente Rossignol Group © C. Michel

«Ci stiamo assumendo la nostra responsabilità di fronte alle immense sfide della conservazione dell’ambiente. Per esempio, sono personalmente coinvolto nella Convention des Entreprises pour le Climat, la convenzione delle imprese francesi che cerca soluzioni per i problemi del cambiamento climatico. Ci stiamo anche muovendo per costruire delle partnership – attualmente con MTB ma ne arriveranno altre – in relazione alla gestione del fine vita dei prodotti. Questo si inserisce nella nostra ambizione etica di promuovere lo sviluppo sostenibile, l’inclusività e i benefici della montagna per tutti, attraverso il sostegno di associazioni come Sport dans la Ville e la Share Winter Foundation», conclude Vincent Wauters, CEO di Rossignol Group.

© C. Michel

LEGGI ANCHE

LE ULTIME NOTIZIE