Fenomeno Hirscher, domina anche lo slalom. L’Italia maschile rimane ancora a secco: nono Gross

Il circo bianco si inchina ai piedi di Marcel Hirscher. Il fuoriclasse austriaco è oro nello slalom che ha chiuso i Mondiali di Sankt Moritz. Un’altra medaglia pesantissima e bellissima, che solo lui poteva vincere o perdere. Spinge quando è necessario, controlla quando segna, scarica potenza in ogni curva. Semplicemente unico, il più forte, un fuoriclasse che ha dimostrato ancora una volta di essere un grande sciatore. Bella, bellissima seconda manche. Una prova tirata, con colpi di scena. Manuel Feller fa la manche, nessuno riesce a stargli davanti. Solo uno, solo il re delle porte strette, il grande Hirscher. Il pubblico esplode di gioia, papà Ferdinand esulta, ma stringe un significativo abbraccio a Felix Neureuther.

IL PODIO – Marcel Hirscher vince con 68/100 sul compagno di squadra Manuel Feller, mai sul podio in Coppa del Mondo, settimo dopo la prima frazione. Il bronzo è andato a un grandissimo Felix Neureuther. Per il tedesco arriva il terzo podio iridato e dopo il decimo posto della prima manche.

KRISTOFFERSEN, DUE LEGNI IN DUE GARE – Un’altra grandissima delusione per Henrik Kristoffersen. Il norvegese si ferma nuovamente ai piedi del podio. È quarto, questa volta beffato per 11/100 dal tedesco. Un mondiale da dimenticare per lo slalomista norvegese.

NONO GROSS – Azzurri lontani dal podio quest’oggi, in una gara dove contano solo le medaglie. Nono posto per Stefano Gross. Il fassano, quattordicesimo dopo la prima frazione, ha risalito diverse posizioni, ma per agguantare il podio, oltre 4/10 avanti, avrebbe dovuto incrementare notevolmente il suo vantaggio nella seconda discesa. Quattordicesimo Manfred Moelgg, che oggi ha faticato, mentre Giuliano Razzoli ha concluso al 22° posto. Patrick Thaler ventiquattresimo.

IL BILANCIO DI RODA – Intanto tra la prima e la seconda manche il presidente Flavio Roda ha fatto il bilancio della rassegna mondiale. Ha ammesso di aver fallito l’appuntamento. «Arrivavamo da un grande periodo in Coppa de Mondo, ma non abbiamo concretizzato, non siamo mai stati competitivi – dice Flavio Roda -. Forse il nostro momento migliore era la velocità, ma non abbiamo fatto nulla». Questa la sintesi del bilancio, che potrete leggere per intero sul numero di Race Ski Magazine in chiusura proprio in questi giorni.

SETTORE MASCHILE, ZERO TITULI – Il settore maschile va a casa senza medaglie. Come nel 2015 a Vail. Davvero troppo poco per la nostra squadra. Le soddisfazioni sarebbero potute arrivare dalla velocità, invece nulla. Difficile pensare a un’impresa nel gigante, mentre in slalom le carte c’erano, ma sono tutte state giocate nella prima manche. L’Italia si salva, se così possiamo dire, con il bronzo di Sofia Goggia in gigante. Davvero troppo poco per la nostra nazionale: il medagliere parla chiaro.

Altre news

Definite le squadre del Comitato Alto Adige

Linea di continuità, dopo i cambiamenti dello scorso anno nel Comitato Alto Adige. Christian Thoma continua a ricoprire il ruolo di responsabile della sezione sci alpino; in campo inoltre Christian Polig (VSS), Thomas Valentini (Grand Prix) e Thomas Rungg...

Gardena 2029, si decide il 4 giugno. Roda: «Grande lavoro condiviso da tutto il territorio»

Il 4 giugno in Islanda a Reykjavík alle ore 18 (20 italiane) la votazione al congresso FIS  per decidere l'assegnazione dei Mondiali di sci alpino del 2029. In prima linea la nostra Val Gardena che dovrà vedersela con la...

La Fisi incontra il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella

La Fisi è stata ricevuta al Quirinale dal Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Dopo le parole del presidente del Coni, Giovanni Malagò, l’intervento del numero della Fisi Flavio Roda: «Oggi è una giornata che rimarrà nei nostri cuori e...

L’effetto Verdú sullo sci andorrano

Ad Andorra, adesso che la squadra di calcio è in piena zona retrocessione nella Liga spagnola 2 (la nostra serie B) lo sci è a tutti gli effetti lo sport nazionale del Principato. Non che prima lo sci non...