Della Vite, la speranza della maturità

ALTA BADIA LIVE – Continua la striscia positiva di risultati di Filippo Della Vite. Il 2001 bergamasco di Ponte Ranica, 12° in Val d’Isere, stacca il 17° tempo finale sulla Gran Risa di La Villa. L’orobico cresce stagione dopo stagione. E’ riuscito ad entrare nei top 30 nella massima serie in gigante, un elemento importante per continuare nel percorso di crescita avviato, per consolidare questo progetto in vista degli appuntamenti iridati ed olimpici, quelli che contano anche di più della Coppa del Mondo e costruiscono il campione personaggio. Serve continuità e regolarità nei percorsi: Pippo è sulla strada giusta. Ha ragione il direttore tecnico Max Carca che a queste prime gare di stagione di Della Vite, a caldo non parla di tecnica, bensì di atteggiamento e di aspetto mentale: «Maturità, prove di maturità», afferma  senza se e senza ma il coach tortonese. E la maturità è una speranza per diventare grandi per davvero. Maturità è uno degli ingredienti per esplodere, per essere in prima linea, per primeggiare. Essere maturi ed esser un 2001 è già tanta roba. Maturità accompagnata a doti tecniche ovviamente. E ci siamo. Maturità, tecnica, e anche umiltà e soprattutto consapevolezza di vivere un’avventura con responsabilità e professionalità massime, ma senza fare tragedie per una gara andare storta, senza abbattersi in paranoie inutili. E anche qui ci siamo. Oggi nella start area Pippo era l’espressione della serenità. Concentratissimo ma allo stesso tempo sorridente. Due battute con il preparatore atletico Davide Marchetti, con il fisioterapista Fabio Della Torre e con lo skiman Maurizio Urbani prima di tuffarsi dal cancelletto di partenza. Pippo è forte e ha tanto margine. Crescerà, perchè oltre alla sciata, ha testa. Semplice, con la battuta pronta, disinvolto, consapevole. Questa è la sua maturità. Poi per migliorasi tecnicamente c’è ancora tempo.

Della Vite in start area ©raceskimagazine.it

Ma eccolo Della Vite dopo il primo dei due giganti in programma sul pendio badiota: «Un altro passo avanti, sono soddisfatto di entrambe le manche. Sono sula strada della continuità e devo insistere per fare un ulteriore passo in avanti. Sono sereno, questa stagione mi concentro sul gigante per essere sempre più competitivo, poi potrò dedicarmi alla seconda disciplina, lo slalom. Adesso tuttavia il focus è sul gigante». Schietto Pippo. Maturo appunto. E domani in Alta badia c’è un’altra gara, il quarto gigante della stagione di Coppa del Mondo. Forza ragazzo.

Della Vite al cancelletto di partenza ©Agence Zoom

 

Altre news

Braathen operato di appendicite. Rientro per lo slalom iridato del 19?

Lucas Braathen è stato operato di appendicite acuta in Austria presso l'ospedale di Zell am See. Il fuoriclasse norvegese è stato dimesso in mattinata. Piinheiro ha accusato dolori forti all'addome durante una vacanza a Parigi dopo lo slalom di...

Alleghe, Pizzato gigante. Rigamonti (2°) si impone nel GPI Junior su Bertoldini e Claudani

Seconda gara ad Allegjhe: nel gigante Fis ottima prestazione dell'azzurrino Stefano Pizzato. Il C anticipa Leonardo Rigamonti Fiamme Gialle, quindi Andrea Bertoldini del Lecco AC, staccati rispettivamente di 42 e 56 centesimi. Bella prova dei due che si mettono dietro...

Coppa Europa, due top ten per le azzurre nelle discese di Chatel

La Coppa Europa femminile fa tappa sulle nevi francesi di Chatel con due discese e un superG, recupero di quello di San Pellegrino. Mercoledì, nella prima discesa, doppietta austriaca con Christina Ager che precede di 38 centesimi Nadine Fest,...

Limone, Platino si impone nettamente in gigante. Rosca anticipa Collomb e Marangon nel GPI

Seconda gara a Limone Piemonte griffata Equipe Limone e Ski College Limone. Ed è tempo di gigante Fis, con una netta vittoria dell'azzurra Elisa Platino che mette dietro di gran lunga altre due atlete della squadra nazionale: a 1.82...