Day 2 – Le dichiarazioni dalla finish area del superG

Disappunto per Miller e Cuche, Heel e Fill contenti per Innerhofer

Grande festa al parterre d’arrivo per il nostro Christof Innerhofer. Amarezza invece per molti dei big. Un Bode Miller arrabbiato con se stesso: "Perdere un bastoncino non è certo il miglior modo per tentare di vincere un mondiale – scherza l’americano – sono in forma, ho visto che posso fare molto bene, adesso guardo avanti". Anche il connazionale Ted Ligety è dispiaciuto per la sua uscita anzitempo, anche se, pensando alla sua disciplina, si rincuora: "Un peccato per oggi, la pista era molto tecnica e potevo fare bene. Comunque mancauna settimana al gigante, adesso pianifico bene gli allenamenti in vista del gigante". Un altro dei favoriti, Silvan Zurbriggen, si è fatto scappare una buona prestazione, commettendo un grave errore: "Purtroppo ho perso parecchi decimi tra il primo e il secondo intermedio – afferma l’elvetico – sono veramente arrabbiato. Devo liberare la mente da questa brutta gara e pensare a discesa e super combinata, il mondiale non è ancora finito". Ad un soffio dal podio, invece, il suo connazionale Didier Cuche, talmente fuori di sé che al parterre non ha rilasciato dichiarazioni. Subito dietro, Benjamin Raich. La sua è stata una manche abbastanza pulita, forse però ha tirato i remi in barca. Lui ce l’ha confermato: "Non ho commeso gravi errori. Ho sciato bene nel complesso, ma non è abbastanza. Ai mondiali devi essere sempre al limite, altrimenti non hai alcuna chanche. Adesso mi devo caricare in vista delle altre competizioni, e sicuramente spingerò di più". Abbiamo incontrato anche i nostri Peter Fill e Werner Heel, scontenti della propria prestazione, ma molto felici per Christof. "Fino a metà non ero neanche andato male – confessa Heel – poi mi sono un po’ trascinato fino all’arrivo. Sono molto contento invece per Inner, ha mostrato a tutti noi come bisognava sciare su una pista difficile come quella di oggi, senz’altro ci toglie un po’ di tensione per la discesa". Subito dietro, in nona posizione, Peter Fill. Ha attaccato sicuramente, ma la sua azione ci è sembrata discontinua: "Ho provato a dare tutto – dichiara l’altoatesino di Castelrotto – purtroppo non sono riuscito ad andare veloce come gli altri, qualche errorino di troppo di certo non mi ha aiutato a fare il tempo. Senz’altro sono molto contento per la medaglia di Christof".  Nel settore video del sito, l’intervista live realizzata all’arrivo.

Altre news

Fondazione Cortina incontra Atomic al quartier generale di Altenmarkt

Mancano diversi mesi al via della stagione invernale 2024-25 la quale, per il terzo "inverno" consecutivo (e fino al 2026), vedrà Atomic, il Brand leader a livello mondiale nel mondo dello sci, e Fondazione Cortina, l’Ente organizzatore dei grandi...

L’italiano Andrea Nonnato nuovo preparatore di Vlhová

Cambia il preparatore atletico di Petra Vlhová, che resta però legata all’Italia. Ha lasciato Marco Porta ed è entrato Andrea Nonnato. Il tecnico ha lavorato a Liptovský Mikuláš nelle ultime settimane, seguendo Petra nel suo ritorno ad alto livello dopo...

Addio a Piermario Calcamuggi

Addio a Piermario Calcamuggi. È morto ieri a Torino, dov'era ricoverato a seguito di un intervento chirurgico. Aveva 77 anni. Dopo l’intervento era stato in grado di parlare con la moglie Ita e con i figli, Matteo ed Elisa,...

Sofia Goggia, buone sensazioni sulla neve allo Stelvio: «Mi sento molto bene, sempre meglio»

Il ritorno di Sofia Goggia passa da Bormio e dal ghiacciaio del Passo dello Stelvio. A cinque mesi dall’infortunio, la bergamasca, dopo una prima uscita in pista alcune settimane fa, è tornata in ghiacciaio da venerdì per un altro...