"Continuita' in CdM, poi un circuito Giovani e Senior"

Le prime dichiarazioni di Gianluca Rulfi dopo l'approvazione delle squadre

Fatte le squadre, adesso gli atleti di Coppa del Mondo si apprestano a consumare gli ultimi giorni di vacanza prima di riprendere l’attività. Il criterio per la composizione delle squadre A è stato inserire chi almeno in una disciplina fa parte dei ‘primi trenta’ al mondo, anche se con qualche eccezione, vedi Matteo Marsaglia e Stefano Gross per quel che riguarda il settore maschile. “Sul discorso Coppa del Mondo c’è assoluta continuità tecnica e metodologica rispetto all’anno scorso, cambia qualcosa sotto. Coppa Europa e Giovani infatti lavoreranno insieme, anche se questo progetto lo avevamo già pensato in precedenza ma abbiamo fatto un po’ fatica ad attuarlo prima”, fa sapere Gianluca Rulfi, il direttore tecnico, o come preferisce essere indicato lui ‘il portavoce del triumvirato’ di cui fanno parte anche Massimo Carca e Jacques Theolier. Ancora il coach piemontese, che prosegue la linea tracciata da Claudio Ravetto, di cui ha condiviso scelte e impostazioni sull’alto livello: “Sopra non c’era granchè da cambiare, resta praticamente tutto immutato. Nominalmente abbiamo inserito Hagen Patscheider e Siegmar Klotz in B, ma da subito partiranno con la A. Poi verranno integrati nel corso della preparazione estiva anche Paolo Pangrazzi, Mattia Casse e Andy Plank, come anche altri fra cui Roberto Nani che avrà le chance di misurarsi ad esempio con il gruppo CdM delle tecniche. In Coppa Europa e C vogliamo cercare di apportare dei cambiamenti nella direzione della omogeneità del lavoro. Per questo motivo chi è in squadra nazionale, anche junior, avrà possibilità fin da subito di misurarsi nel circuito continentale. Da quest’anno non ci sarà, anche se la commissione Giovani deve ancora definire il progetto, l’obbligo assoluto di misurarsi nel circuito delle Fis Giovani, perché gli obiettivi sono altri. Anche il circuito stesso giovanile cambierà, ossia sarà coincidente con la Coppa Italia. Un circuito unico, più competitivo sicuramente, di maggiore valore. Un circuito di elitè insomma, con i migliori Giovani e i migliori Senior. Stiamo valutando con la commissione Giovani delle novità anche per gli Aspiranti, altre formule di confronto, anche internazionali, non solo il circuito cosidetto d’elitè”. E gli staff? In Coppa del Mondo è tutto definito, tendenzialmente come l’anno scorso. Sotto mancano ancora dei nominativi. "Aspettiamo conferme, è questione di giorni”, chiude Rulfi. Da lunedì si parte con i test atletici a Verano Brianza. Prima le donne di Coppa del Mondo, poi sarà il turno degli uomini.
 

Altre news

Fondazione Cortina incontra Atomic al quartier generale di Altenmarkt

Mancano diversi mesi al via della stagione invernale 2024-25 la quale, per il terzo "inverno" consecutivo (e fino al 2026), vedrà Atomic, il Brand leader a livello mondiale nel mondo dello sci, e Fondazione Cortina, l’Ente organizzatore dei grandi...

L’italiano Andrea Nonnato nuovo preparatore di Vlhová

Cambia il preparatore atletico di Petra Vlhová, che resta però legata all’Italia. Ha lasciato Marco Porta ed è entrato Andrea Nonnato. Il tecnico ha lavorato a Liptovský Mikuláš nelle ultime settimane, seguendo Petra nel suo ritorno ad alto livello dopo...

Addio a Piermario Calcamuggi

Addio a Piermario Calcamuggi. È morto ieri a Torino, dov'era ricoverato a seguito di un intervento chirurgico. Aveva 77 anni. Dopo l’intervento era stato in grado di parlare con la moglie Ita e con i figli, Matteo ed Elisa,...

Sofia Goggia, buone sensazioni sulla neve allo Stelvio: «Mi sento molto bene, sempre meglio»

Il ritorno di Sofia Goggia passa da Bormio e dal ghiacciaio del Passo dello Stelvio. A cinque mesi dall’infortunio, la bergamasca, dopo una prima uscita in pista alcune settimane fa, è tornata in ghiacciaio da venerdì per un altro...