Children: nasce Race Future Club by FISI

Innovare sempre, cercare di offrire qualcosa di inedito, e si spera apprezzato, è stato un po’ il mantra di questi mesi che precedono una stagione che tutti si augurano viri verso la normalità. Riunioni su riunioni, sino alla decisione di sdoppiare quella che è un po’ stata la nostra gara, quella, che grazie anche all’organizzazione dello sci club Aosta, ha rotto gli schemi del passato. Il Memorial Fosson, che diventa Criterium Italiano a squadre FISI, si correrà ancora ad aprile; questa è già di per sé una grande notizia.

L’altra grande novità è stata quella di affiancargli il Top 50 PDH Cup a inizio stagione. Ma non ci bastava: volevamo proporre un quid in più per la next generation dello sci. Ne abbiamo parlato con Flavio Roda e con la FISI, che ha il polso della situazione del movimento giovanile, grazie al lavoro alla base, prima degli sci club e poi dei Comitati regionali, e alla fine è nato il Race Future Club by FISI. Intendiamoci, non è una selezione e neppure una nuova rappresentativa azzurra, ma un riconoscimento per quei Children che hanno deciso di provare a fare gli atleti nello sci alpino, dedicando tempo ed energie agli allenamenti. Vogliamo aiutarli a vive- re un’esperienza unica che possa offrire ulteriori stimoli nel loro percorso agonistico: una sessione di allenamento con i tecnici della Nazionale, con lo stesso programma stilato per gli atleti di Coppa del Mondo. Un assaggio di quello che verrà (o che potrebbe venire) nel loro futuro.

Il meccanismo è molto immediato, perché serve comunque avere una graduatoria finale per conoscere ragazze e ragazzi che ci stanno provando per arrivare all’alto livello. Si dividono tra studio e allenamento, fanno sacrifici loro e le loro famiglie, hanno la fortuna di avere tecnici nei club che sanno indirizzarli tecnicamente, e non solo, spronandoli o incoraggiandoli quando serve.

Lara Colturi ©Bollé

Per stilare la nostra graduatoria, oltre a Top 50 e Memorial Fosson, verranno presi in considerazione i risultati delle gare italiane più importanti nel calendario nazionale della categoria: le selezioni dell’Alpe Cimbra e del Pinocchio e i Campionati Italiani Children. Alle fine i primi cinque di questa classifica andranno in pista con lo staff della Nazionale tutto per loro. Ovviamente ospiti e senza alcuna spesa. Venti atleti Children che saranno seguiti passo passo in due giorni di allenamento e vivranno quella che è la routine dei grandi. Un camp che potrà accrescere il loro già ricco bagaglio tecnico. E chissà potrà anche essere l’occasione per i tecnici azzurri per conoscere sul campo i loro prossimi atleti. Lo fanno già in altre Nazioni, perché non iniziare anche noi? Una bella sinergia tra un media di riferimento come Race e la Federazione.

«Abbiamo pensato che agli atleti della categoria Children servisse un’esperienza. Viviamo in un mondo pieno di oggetti: un casco, dei guanti, una tuta o una coppa in più, consegnati a una premiazione, non aggiungono né tolgono nulla. I ragazzi scelgono cosa vogliono utilizzare e sono più bravi di noi in questo – spiega Davide Marta, editore di Race Ski Magazine – Avvicinarli invece all’alto livello, organizzando uno stage ufficiale con la FISI, pensiamo sia invece un incentivo a crederci e a continuare ad allenarsi con passione e impegno. E attenzione, non si tratta né di esasperazione, né di verticismo. Chi decide di fare sport ad alto livello, lo fa per provare a eccellere. Vogliamo dare un segnale in questo senso e rendere meno distante il sogno».

Le classifiche vengono stilate dalla redazione di Race ski magazine, utilizzando la tabella di Coppa del Mondo e attribuendo punti ai migliori 30 atleti della gara. Sono 10 le prove inserite, ovvero tutte quelle dei Ragazzi e degli Allievi che trovano spazio nel calendario nazionale. Sono gigante e slalom Top 50 – PDH Cup (dicembre – Valle d’Aosta), gigante e slalom Alpe Cimbra (gennaio – Folgaria), gigante e slalom del Pinocchio sugli Sci (marzo – Abetone), superG, gigante e slalom dei Campionati Italiani (marzo), gigante 1 del Memorial Fosson (aprile – Pila). La graduatoria verrà stilata prendendo un massimo di otto risultati, scartando dunque i due peggiori, se disponibili.

Altre news

L’avventura di Lara Colturi in Cile raccontata da Daniela Ceccarelli

Lara Colturi è entra nel mondo dei grandi. Si, perchè il circuito Fis è tutto un altro pianeta, è lo sci che conta davvero, è un'altra storia rispetto alla categoria Children. E subito in Sudamerica le prime gare per...

Fisi: Stefano Maldifassi si candida alla presidenza. «Ho in mente una Federazione nuova»

«Pensare e vivere gli sport invernali». Questo lo slogan che chiude un breve video realizzato per annunciare la candidatura in Fisi di Stefano Maldifassi. È ingegnere biomeccanico, cinque volte campione italiano di skeleton e allenatore di quarto livello; Maldifassi...

A La Parva Colturi centra una doppietta in slalom; Tranchina secondo in gara-2

Doppietta in gigante la scorsa settimana, bis ieri e l'altro ieri in slalom. Lara Colturi ha fatto uno-due anche tra i rapid gates di La Parva, dove si sono svolte altre gare Fis. Possiamo dire che in quattro gare...

Marsaglia lotta ancora con entusiasmo: «Conta essere veloci, non l’età»

Matteo Marsaglia non molla, anzi, rilancia. Il romano di San Sicario, trentasette primavere a ottobre, è deciso più che mai per un'altra stagione in Coppa del Mondo. Reduce da un'annata davvero positiva, dove fra le varie prestazioni confortanti ha...