I tifosi valdostani, arrivati numerosi a Losanna, esultano di gioia quando Alice Calaba taglia il traguardo. E lei sorride perché è il terzo tempo provvisorio. Ha il pettorale 14 e le immediate inseguitrici vanno dietro. Si toglie gli sci, rimane vinco all’angolo del leader, si congratula con quella che poi sarà la nuova campionessa e si appoggia sui bastoni. Minuti interminabili, ad attendere il verdetto. Beve un sorso d’acqua, si rannicchia a terra, fino a quando non viene buttata giù dal podio. È ovviamente un po’ sconsolata, esce dalla zona mista. «Peccato – dice quando ancora era quarta -. Ero un po’ agitata in partenza, ho cercato di dare il massimo». Un superG non lungo, ma alla fine di tutto neanche così difficile. Dossi e compressioni sembravano peggio dopo la sciata in pista di ieri. «Dovevo gestire un po’ l’ultimo dosso, ma forse l’ho gestito un po’ troppo. Sembrava tutto più difficile, invece è una pista bella e con neve molto dura». 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.