Borsotti secondo nel gigante 'sprint' di Crans

Coppa Europa, bene anche Casse nono e Giulio Bosca tredicesimo

Giovanni Borsotti sale ancora sul podio: il ‘talentino di Bardonecchia’, dopo Les Menuires, stacca il secondo tempo finale nel gigante di Coppa Europa a Crans Montana. Il piemontese, terzo dopo la prima, chiude a 61 centesimi dallo statunitense Tim Jitloff, padrone oggi sulle nevi vallesi. A un centesimo da ‘Gio’ c’è lo svizzero Gino Caveziel. Quarto l’austriaco Stefan Brennsteiner, poi il finlandese Samu Torsti e il tedesco Dominik Schweiger.

GARA ACCORCIATA – La partenza è stata abbassata allo slalom, così sono state svolte due manche ‘sprint’. La gara pertanto non assegna punti FIS ma è vale comunque per la standing di Coppa Europa.

BRAVO GIULIO
– Nono posto convincente per un Mattia Casse in risalita che termina a 94 centesimi dal vincitore ma a 32 dal podio. Applausi anche per Giulio Bosca: il portacolori dell’Esercito è tredicesimo a 1.21 e conferma dopo il decimo posto in supercombi un buon momento di forma. Alex Zingerle è sedicesimo a 1.33. Non ha concluso la seconda frazione Stefano Baruffaldi. Guglielmo Bosca, Tommaso Sala, Emanuele Buzzi e il poliziotto Marco Manfrini invece non si sono qualificati per la seconda manche.    

Altre news

Ecco i 18 nuovi istruttori nazionali. C’è anche Nadia Fanchini

A Livigno, dopo 25 giorni di corso totali e in seguito ad un anno dall'esame di selezione, si sono svolti gli esami finali per i nuovi pretendenti istruttori nazionali di sci alpino. Sono 18 e fra questi c'è anche...

Gardena, successo per il Fis Speed Camp

Successo per il secondo Speed Camp in Val Gardena organizzato nella ski area Plan De Gralba sulla pista Piz Sella dal Saslong Classic Club, la realtà presieduta da Rainer Senoner che organizza la Coppa del Mondo maschile di velocità...

Lancia Torino, Croce: «Dopo Gulli, Cecere in azzurro. Nella categoria Giovani i risultati che contano»

In punta di piedi, senza strafare, senza dominare le circoscrizioni. Ma con metodo, quello della chiarezza delle priorità, quello dello step by step, quello del non fare proclami di guerra. E soprattutto il metodo dei fatti. Ecco lo Sci...

Il Tar dà ragione a Roda sulle elezioni: «Riconosciuto che operiamo nella piena legittimità»

Il Tar del Lazio, con sentenza n. 7101/2024, ha rigettato i ricorsi presentati da Stefano Maldifassi avverso la candidatura di Flavio Roda e gli esiti della assemblea che lo ha rieletto Presidente nel 2022. Il TAR ha giudicato i...