©Pentaphoto

La giovane Italia è di bronzo nel team event dei Mondiali di Åre, dopo una small final da brividi. L’Italia perde sul terreno, ma vince la medaglia perché nell’ultima run Linus Strasser inforca in modo netto e viene squalificato. E mentre gli azzurri iniziavano a disperarsi per il secondo legno di fila, la giuria ha riassegnato la run vinta all’Italia. Gioia, emozioni. Davvero una prova convincente per Irene Curtoni, Alex Vinatzer, Simon Maurberger e Lara Della Mea. È festa azzurra in Svezia, è la terza medaglia che arriva per gli italiani, a segno nel superG con Paris e d’argento nel superG donne con Goggia. Una medaglia storica per l’Italia che mai aveva centrato l’obiettivo nel nuovo format. In squadra, ma rimasti in partenza come riserve, anche Riccardo Tonetti e Marta Bassino. 

Il titolo mondiale va alla Svizzera che ha battuto l’Austria, campione del mondo uscente. È finita 2-2, ma per 77/100 gli elvetici sono d’oro, gli austriaci d’argento. Wendy Holdener ha battuto Liensberger, poi due sconfitte con Michael Matt e Katharina Truppe avanti nei confronti di Daniel Yule e Aline Danioth. Il capolavoro porta la firma di Ramon Zenhaeusern che rifila 54/100 a Schwarz e porta in trionfo la Svizzera. 

L’Italia è stata eliminata dall’Austria in semifinale per 29/100. Irene Curtoni è stata battuta da Katharina Truppe, mentre Lara Della Mea ha sbagliato due volte ed è stata preceduta da Katharina Liensberger. Bravi invece Alex Vinatzer e Simon Maurberger che hanno battuto i ben più esperti e quotati Michael Matt e Marco Schwarz.

QUARTI – Senza storia il quarto di finale tra Austria e Slovacchia, quest’ultima eliminata con un secco 4-0. Avvincente fino all’ultimo invece la sfida tra Francia e Germania. Alla fine, dopo quattro run, i transalpini sono stati eliminati dai giochi. Amarezza per la Svezia che è stata buttata fuori dalla Svizzera per 33/100. Fuori subito Anna Swenn Larsson, fuori per gli elvetici Daniel Yule che ha pareggiato i conti. Tutto si è giocato tra Frida Hansdotter – Aline Danioth e Andre Myhrer – Ramon Zenhaeusern. La Svezia non ha così potuto difendere l’argento di Sankt Moritz.

OTTAVI – Negli ottavi di finale l’Austria ha vinto 4-0 contro l’Argentina, mentre tra Slovenia e Slovacchia è servito il calcolo degli scarti per decretare il passaggio del turno, poi a favore dei secondi per 83/100. A mani basse anche la Norvegia: 4-0 alla Repubblica Ceca, anche la Francia non ha faticato e ha eliminato 3-1 la Russia. Idem la Germania, avanti 3-1 sulla Gran Bretagna. La Svezia, davanti al pubblico di casa, ha passato il turno 3-1, eliminando il Canada. Infine la Svizzera ha prevalso sul Belgio che non ha vinto neppure una run.

 

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.